menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Emergenza cinghiali, gli agricoltori insorgono: "Il problema è la gestione del parco"

Federico Miotto, presidente di Coldiretti Padova e Roberto Betto della Confederazione Italiana Agricoltori di Padova ribadiscono che il cuore della questione riguarda le risposte e le azioni concrete di ente Parco e della Regione

"La proposta di legge regionale di cui tanto si parla in questi giorni ha finalmente innescato una discussione politica e un ampio confronto sull’annosa emergenza cinghiali nell’area del Parco Colli, problema finora mai affrontato in maniera adeguata. E’ positivo pertanto che se ne parli ma cerchiamo anche di non confondere le carte in tavola e perdere di vista le priorità, vale il contenimento dei cinghiali in tutta l’area".

LA GESTIONE. Federico Miotto, presidente di Coldiretti Padova e Roberto Betto della Confederazione Italiana Agricoltori di Padova ribadiscono che il cuore della questione riguarda le risposte e le azioni concrete che l’ente Parco e le altre istituzioni, in testa la Regione, riescono a mettere in campo per risolvere una volta per tutte l’emergenza cinghiali e l’impatto devastante che questa invasione comporta per l’agricoltura ma anche per l’ambiente e la sicurezza pubblica: "Si è parlato tanto in questi giorni del Parco Colli ma il problema prevalente è la corretta gestione dell’ente stesso. Infatti se ci fosse stata nell’ultimo decennio una diversa attenzione e un approccio più efficace probabilmente non saremmo arrivati a contare diecimila cinghiali in un’area così circoscritta. Anche la burocrazia, spesso farraginosa, va ad appesantire l’efficenza dell’ente anche dal punto di vista economico. Noi agricoltori siamo favorevoli al mantenimento del Parco, perché è una risorsa, a patto però che vada gestita bene. Nel sentire comune invece la percezione negativa nei confronti di questi enti nasce proprio perché visti come strutture poco efficaci e incisive per il bene comune". 

MERITO DEI RESIDENTI. Le organizzazioni continuano: "Se il Parco Colli è così come lo vediamo, con le sue bellezze e il suo paesaggio naturale, è sicuramente merito dei residenti e in modo particolare degli agricoltori che lavorano ogni giorno per mantenere un ambiente da poter “gustare” sotto tutti i suoi aspetti. I cinghiali sono un flagello non solo per l’agricoltura ma anche sotto l’aspetto sociale e ambientale, andando a compromettere il patrimonio di biodiversità di quest’area. Come abbiamo già detto in diverse occasioni una soluzione immediata può essere trovata nell’aumento dei controlli selettivi, già previsti per legge". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Il Sant'Antonio di Evyrein compare in centro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento