Emergenza Covid: la finanza blocca 3 spacciatori e 5 consumatori abituali

Durante il servizio di presidio del territorio, intensificato nell’ultimo mese, i militari hanno sorpreso le tre persone in giro senza un valido motivo, scoprendo anche la droga

La guarda di finanza di Padova impegnata nei controlli per l'emergenza Covid-19 ha denunciato tre italiani per spaccio. In particolare, durante il servizio di presidio del territorio, intensificato nel corso dell’ultimo mese, i militari hanno sorpreso le tre persone in giro senza un valido motivo, scoprendo anche la droga.

Fuga e spaccio

In un primo caso le fiamme gialle hanno intimato l’alt ad un uomo, che - alla vista dei finanzieri - si è dato alla fuga con la propria bici. Dopo un inseguimento il fuggitivo (F.A., 43 anni, di Mestrino) è stato raggiunto e bloccato nel centro del paese, mentre cercava di disfarsi di una busta di plastica contenente ben 50 gr. di cocaina purissima, che è stata poi sottoposta a sequestro. Lo stupefacente, se messo in vendita, avrebbe fruttato circa 5.000 euro. Durante un altro controllo in centro a Padova è stato fermato un soggetto (L.C., 34 anni, di Padova) trovato in possesso di circa 60 gr. di marijuana. Le indagini hanno permesso di trovare in un appartamento del centro di proprietà di un altro individuo (S.P. di 38 anni) un involucro contenente circa 850 grammi di sostanza stupefacente dello stesso tipo, nonché numerose pastiglie di ecstasy, oltre a strumenti per la pesatura e il confezionamento della droga. L’attività di presidio ha inoltre permesso, nell’ambito del più ampio dispositivo di prevenzione, di segnalare alla locale Prefettura 5 soggetti di nazionalità italiana e tunisina che, controllati nelle zone centrali di Padova, sono risultati in possesso di piccoli quantitativi di droghe leggere, quali hashish e marijuana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Manifestazione #IoApro: l'elenco di bar e i ristoranti che aderiscono all'iniziativa

  • La pasticceria Le Sablon fa servizio al tavolo per #ioapro: prese le generalità a clienti e titolare

  • Andrea Pennacchi: «So taca na machina, ma respiro. Grazie a tutti i medici, sono in buonissime mani»

  • Famiglia si sbronza per "dimenticare" il parente morto: 17enne sviene, i genitori sfondano la porta del pronto soccorso per farlo curare

  • Maxi-incendio ad Albignasego: a fuoco l'ex In Bloom, una persona intossicata

  • Solesino: primo comune italiano a dotarsi di un'Alfa Romeo Stelvio per la polizia locale

Torna su
PadovaOggi è in caricamento