menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Epatite C, ospedale Padova spende 8 milioni di euro per nuovi farmaci

L'azienda ospedaliera euganea ha deciso di acquistare il costosissimo Sovaldi, nome commerciale del Sofosbuvir, che potrà guarire i 200 casi più gravi dei 600 attualmente in carico. Zaia: "Sanità veneta virtuosa"

Otto milioni di euro è la roboante cifra che l’Azienda ospedaliera di Padova ha deciso di stanziare per acquistare un nuovo, costosissimo farmaco, il "Sovaldi", nome commerciale del "Sofosbuvir", il cui utilizzo potrà guarire 200 malati di epatite C. Saranno trattati con questo farmaco i casi più gravi dei 600 attualmente in carico nel presidio ospedaliero della città del Santo.

ZAIA. "Dedico questa buona notizia e questa decisione coraggiosa al Governo tagliatore di Roma e a tutti coloro che, non applicando i costi standard, hanno condannato la sanità veneta a perdere almeno altri 240 milioni di fondi nazionali - commenta il governatore del Veneto Luca Zaia - che servono anche per pagare lo sconcio di migliaia e migliaia di forestali in Sicilia e in Calabria, o la follia di affidare ad un appalto esterno il servizio di urgenza-emergenza 118. Sono certo – continua Zaia – che a Padova faranno di tutto per estendere ulteriormente questa terapia, ma l’ingente stanziamento già deciso manda un messaggio forte e positivo: in questa Regione l’applicazione già decisa in autonomia dei costi standard e l’attenzione maniacale al miglior utilizzo di ogni singolo euro, consente ancora di investire in nuovi farmaci e in nuovi macchinari, strada sulla quale insisteremo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento