rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Cronaca Palazzo del Bo

Esa Space History Conference: al Bo due giorni dedicati allo spazio e alla ricerca

La conferenza si aprirà giovedì 23 novembre alle ore 9.30 con l’intervento del presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana prof. Roberto Battiston e con una diretta con l’astronauta Paolo Nespoli dalla Stazione Spaziale Internazionale

A sessant’anni dal lancio dello Sputnik e a cinquanta dal trattato delle nazioni unite sullo spazio si tiene a Padova a Palazzo del Bo nei giorni 23 e 24 novembre 2017 la Esa Space History Conference, organizzata dall’European Space Agency, in collaborazione con il centro di ateneo di studi e attività spaziali “Giuseppe Colombo” e con il dipartimento di scienze politiche, giuridiche e studi internazionali, la conferenza è la prima della terza fase dell’Esa History Project i cui obiettivi saranno presentati da Nathalie Tinjod.

LA CONFERENZA

La conferenza si aprirà giovedì 23 novembre alle ore 9.30 con l’intervento del presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana prof. Roberto Battiston, e con una diretta con l’astronauta Paolo Nespoli dalla Stazione Spaziale Internazionale. Interverranno poi Roger-Maurice Bonnet, già direttore del Programma Scientifico dell’ESA, e Simonetta Pippo, Direttore dell’Ufficio per gli affari spaziali delle Nazioni Unite. Tra i testimoni sarà presente Luciano Guerriero, già Presidente Asi e uno dei protagonisti del lancio del piano spaziale italiano negli anni Settanta. Un’attenzione particolare verrà dedicata alla storia come strumento conoscitivo utile per la presa di decisione, e all’alta divulgazione dei temi dello spazio in Europa. Gli archivi storici dell’Unione europea saranno presenti con una esposizione sulla collezione dei documenti Esa, e con gli interventi dell’attuale Direttore Dieter Schlenker e del suo predecessore, Jean-Marie Palayret, che ha negoziato il deposito e la valorizzazione dei documenti Esa

L'UNIVERSITÀ

La partecipazione dell’Università di Padova all’ESA History project così come al progetto finanziato da Horizon 2020 InsSCiDE – Inventing a Shared Science Diplomacy for Europe, ha così permesso il lancio di un progetto per il recupero della memoria e la divulgazione della storia delle attività aerospaziali condotte in Italia fra mondo accademico, tecno-industriale e governativo. Questo  progetto Air & Space Italy vedrà un primo momento di confronto nazionale in maggio 2018 a Padova finanziato nell’ambito di H2020 InsSciDE, e per il quale cerchiamo l’adesione dell’Esa, dell’Agenzia Spaziale Italiana, dell’Aeronautica Militare, dell’Associazione Aeronautica e Astronautica Italiana, della rete museale italiana per aeronautica e lo spazio, infine degli Archivi Storici dell’Unione europea presso i quali depositare le interviste e le eventuali raccolte documentali dei protagonisti.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esa Space History Conference: al Bo due giorni dedicati allo spazio e alla ricerca

PadovaOggi è in caricamento