menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Lo striscione affisso a Montagnana da 100% animalisti

Lo striscione affisso a Montagnana da 100% animalisti

Pesca, distributore di esche vive Blitz animalista a Montagnana

Un negozio di articoli sportivi ha attivato un erogatore automatico di vermi e larve. 100% animalisti non ha gradito e nella notte tra lunedì e martedì ha affisso uno striscione sulle vetrate del negozio

L'idea è stata del titolare di un negozio di articoli sportivi di Montagnana, nel Padovano, che ha messo a disposizione dei clienti un distributore automatico di esche vive per la pesca, in particolare vermi e larve di mosca. L'associazione 100% animalisti non ha gradito, ed è scattato il blitz di protesta con cartelli e striscioni affissi alle vetrate del negozio nella notte fra lunedì e martedì. In uno di questi si legge: "Larve vive? Porta sfiga!", frase che allude alla presunta imminente chiusura dell'esercizio commerciale.

REATO DI MALTRATTAMENTO? Secondo gli animalisti il gesto del negoziante si configura come reato di maltrattamento in base a quanto previsto dalla legge per la tutela degli animali. "Per gli embrioni in questione - spiega l'associazione - si tratta di un'agonia prolungata che va ad aggiungersi alla triste sorte di sofferenza e morte che li aspetta." E ancora: "La pesca  viene da molti considerata un passatempo “innocuo”, o  comunque meno  brutale della caccia. In realtà è forse anche peggiore: l’agonia del pesce preso all’amo, tratto fuori dall’acqua è lunga e  terribile, e il numero di pesci uccisi è  enorme e incontrollabile. Alla barbarie della pesca - continuano gli animalisti - si aggiunge questa trovata del distributore automatico, nel quale animali vivi vengono tenuti (in quali condizioni?) per lunghi tempi. Ci chiediamo se  il titolare è in regola con i dovuti permessi; se  qualcuno del Comune è andato a  controllare  la situazione; se la ASL locale  ha verificato le condizioni degli Animali messi in vendita. Ora sembra che il negozio stia per chiudere. Noi ci auguriamo che sia per  fallimento, ed è la sorte che si meritano tutti coloro che vendono arnesi per catturare, tenere prigionieri, torturare o uccidere animali".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Superenalotto: vincite a Noventa Padovana e a Este

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento