menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Estate, il decalogo da seguire per affrontare le temperature bollenti

Evitare l'esposizione all'aria aperta nelle ore più calde; migliorare il clima dell'ambiente domestico e di lavoro; bere molto e mangiare molta frutta. Sono alcuni dei consigli dell'Ulss 15 per prepararsi al caldo in arrivo

L’Ulss 15 dell'Alta padovana avvia il "piano aziendale emergenza sanitaria territoriale per la prevenzione delle patologie da alte temperature per l’estate 2015.

DECALOGO CONTRO IL CALDO. Per i cittadini, un decalogo delle buone regole da seguire per affrontare preparati il caldo e ridurre al minimo le difficoltà legate alle temperature estive: evitare l’esposizione all’aria aperta nelle prore più calde; migliorare il clima dell'ambiente domestico e di lavoro; bere molto e mangiare molta frutta; adottare un'alimentazione leggera e conservare correttamente gli alimenti; indossare un abbigliamento leggero e proteggersi dai raggi solari; adottare alcune precauzioni se si esce in macchina; per ipertesi e cardiopatici, evitare di alzarsi in modo brusco; fare attenzione ai farmaci che si assumono in caso di malattie cardiovascolari; prestare ettenzione ai cambiamenti di abitudine e di attività della persona anziana; conservare correttamente i farmaci.

SOGGETTI A RISCHIO. Sono più a rischio le persone in età avanzata, i bambini, persone in situazioni di disidratazione o che devono produrre un eccessivo sforzo fisico, persone obese, con problemi di alcolismo, che usano stupefacenti, persone in terapie prolungate con svariati tipi di farmaci (diuretici, beta-bloccanti), con malattie respiratorie croniche, malattie cardio-vascolari croniche, diabete, infezioni. Il tutto può essere aggravato da un ambiente caldo e umido.

COLPO DI CALORE, PRIMO SOCCORSO. In caso di colpo di calore, in attesa dell’intervento medico, ecco le procedurre di primo soccorso da eseguire: porre il paziente in ambiente fresco disteso con gambe sollevate rispetto al corpo; togliere abiti stretti o pesanti e scarpe; coprirlo con qualcosa di leggero; raffreddare il paziente non in modo brusco, ma progressivamente con panni bagnati e borse di ghiaccio in vari punti (fronte, ascelle, inguine); non somministrare alcolici né altre bevande soprattutto se ghiacciate, ma idratare progressivamente con acqua non gasata a temperatura ambiente; chiedere assistenza medica; in caso di perdita di coscienza non somministrare nulla, seguire le indicazioni del 118, che va chiamato in caso di emergenza (perdita di coscienza, problemi respiratori, peggioramento progressivo delle condizioni).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento