rotate-mobile
Cronaca Abano Terme

Evade per andare al bar: torna in carcere il 21enne che aveva creato il caos alle Terme

Il giovane era stato arrestato a ferragosto dopo aver distrutto la stanza di un hotel di Abano e dopo aver preso a calci e pugni i carabinieri e il personale medico dell'ospedale

Doveva restare agli arresti domiciliari dopo che a ferragosto aveva aggredito il suo compagno di stanza, i carabinieri e il personale medico. Invece mercoledì, stanco della vita segretata, A.M., un moldavo di 21 anni è uscito per andarsene al bar.

DI NUOVO IN ARRESTO.

Nel pomeriggio i carabinieri l’hanno ammanettato per evasione. Invece di starsene a casa è uscito, andando a bersi una cosa al bar Papaya in via Aureliana ad Abano Terme. Il giovane, lo scorso 15 agosto, in evidente stato di alterazione psico-fisica, era stato arrestato per lesioni per futili motivi nei confronti di sei persone. La lite tra compagni era scattata in una stanza al quinto piano dell'Hotel "Due Torri" di Abano Terme. Durante la discussione in due hanno messo a soqquadro l'intera camera: hanno squarciato il materasso, rotto i bicchieri in vetro e divelto lo sciacquone del bagno. Alla fine A.M. ha avuto la meglio e ha chiuso fuori dalla stanza l'avvocato F.B., 50 anni, originario di Roma, senza fissa dimora. Il trambusto ha messo in allarme il personale dell'Hotel, che ha chiamato le forze dell'ordine.

PICCHIATI I MEDICI.

La furia di A.M. non si è esaurita nemmeno in ospedale dove era finito qualche ora dopo la lite per farsi medicare. Nel trasbordo dalla barella dell'ambulanza al lettino del reparto per le visite del caso, l'uomo si è scagliato contro il personale medico. Ha colpito più volte, gettato a terra e spinto contro il muro cinque persone, procurando lesioni e contusioni guaribili in dieci giorni.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Evade per andare al bar: torna in carcere il 21enne che aveva creato il caos alle Terme

PadovaOggi è in caricamento