menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La replica di Paccagnella al vice presidente dell'Opv: "Mi querelerebbe per cosa? Io le carte le ho portate in procura mica in piazza"

A scatenare una probabile battaglia legale una denuncia presentata in procura dal presidente di Federcontribuenti sulla gestione economica dell'orchestra

Riportiamo e pubblichiamo il comunicato inviatoci da Federcontribuenti:

"Il vice presidente dell'Orchestra di Padova e del Veneto, si dice amareggiato tanto da decidere per una querela nei confronti del presidente di Federcontribuenti, Marco Paccagnella. A scatenare una probabile battaglia legale una denuncia presentata in procura da Paccagnella sulla gestione economica dell'orchestra, parliamo di 1 milione e 625 mila euro di soldi pubblici.

Il vice presidente dell'Opv addirittura minaccia provvedimenti a 6 dipendenti dell'orchestra credendoli la longa manus che ha consegnato a Paccagnella il dossier con le prove della cattiva gestione, ritorsione? Ripicca? ''Io ho fatto il mio dovere - replica il presidente Paccagnella - in procura non ho detto che ha truffato lo Stato, ho semplicemente consegnato un plico ricco di fatti e situazioni che non potevano non essere oggetto di accurata indagine. Se quanto denunciato è falso, di cosa si preoccupa ?". È sempre la stessa storia, il primo atto davanti ad una denuncia è la denigrazione di chi ha denunciato, '"non mi sento nemmeno un nemico dell'Orchestra, anzi, l'intento è proprio di far chiarezza sulle ombre ricadute all'interno della sua gestione''.

Si ribadisce quanto segue: la Federcontribuenti è una associazione regolarmente iscritta all'Agenzia delle Entrate con tanto di Costituzione presso un notaio e quando qualcuno parla di associazione non riconosciuta cosa intende? Chi riconosce un partito polito o una fondazione? Federcontribuenti, regolarmente denunciata presso l'AE, non si è voluta invece iscrivere alla lista delle associazione che prendono soldi pubblici e che siedono ai famosi tavoli sociali per un motivo molto semplice: riteniamo non si possano prendere soldi da un sistema che si combatte perchè crea conflitto di interesse. Quindi si rispediscono al mittente tutte le accuse prive di logica - quanto di fondamento - e si fa fede al buon senso dei contribuenti e alla loro capacità di discernere il bene dal male e le bufale dalla verità."

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento