Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca

Scuote figlioletto che piange: il piccolo in coma irreversibile, lei indagata

Una mamma di quasi 30 anni residente a Mestrino si è presentata in ospedale a Padova nel pomeriggio di sabato: la notte prima aveva cullato in maniera troppo violenta

Una mamma padovana di 29 anni è finita nel registro degli indagati per il reato di lesioni volontarie aggravate dopo che ha mandato in coma il proprio figlioletto piccolo, scuotendolo per farlo smettere di piangere. L'episodio risale allo scorso sabato. Stando a quanto raccolto dai carabinieri della compagnia di Padova la donna avrebbe cullato in maniera troppo vigorosa il piccolo di 5 mesi e mezzo che continuava a piangere. A un certo punto insieme al marito si è accorta che il bimbo non respirava più ed è corsa in ospedale.

Il racconto

La ventinovenne avrebbe spiegato ai militari: «Mio figlio non smetteva di piangere. Era due ore e mezzo che strillava, mio marito dormiva, io l'ho preso in baccio. Ho camminato su e giù per la casa cullandolo per calmarlo. L'ho solo cullato, nulla di più, non l'ho scosso. Quando ha smesso di pinagere l'ho rimesso a letto e mi sono accorta che non respirava». Mamma e papà si sono recati in ospedale pedriatrico al Giustinaneo: il bimbo è da oltre 3 giorni in terapia intensiva, le sue condizioni sono disperate e le sue funzioni vitali sono affidate alle macchine. La madre che è originaria del vicentino ma vive a Mestrino è finita sotto inchiesta. Il pm Roberto Piccoione vuole vederci chiaro e le ha contestato il reato di lesioni volontarie aggravate. I carabinieri proseguono le indagini per capire cosa sia realmente accaduto quella notte.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuote figlioletto che piange: il piccolo in coma irreversibile, lei indagata

PadovaOggi è in caricamento