Mascherine in vendita con rincari del 2.400%. Denunciati i titolari di due parafarmacie

La guardia di finanza ha scoperto in due esercizi commerciali del capoluogo prodotti sanitari venduti a prezzi esorbitanti sfruttando l'enorme richiesta legata al Coronavirus

Una ricognizione della guardia di finanza sul centro di Padova

Esponevano in vendita migliaia di mascherine con prezzi aumentati dal 490% al 2.400%. É quanto scoperto dalle Fiamme gialle padovane all'interno di due parafarmacie della città, i cui titolari sono stati denunciati.

Prezzi alle stelle

Le operazioni che hanno permesso di portare a galla gli illeciti rientrano nell'ampio ventaglio di iniziative messe in campo dalla finanza per il controllo del territorio durante l'emergenza sanitaria. Vigilando proprio sulla commercializzazione di prodotti con prezzi fortemente aumentati senza alcuna giustificazione, a Padova sono state individuate due parafarmacie. In una di queste venivano vendute mascherine sia chirurgiche che Ffp2 importate dalla Cina: sono stati sequestrati circa 2mila pezzi posti in vendita a prezzi da 3 a 10 euro a fronte di una cifra d'acquisto compresa fra 10 e 80 centesimi. Situazione analoga nell'altro negozio dove i pezzi erano 2.700 venduti a 5 euro l'uno sebbene acquistate a 1 euro. Vista la speculazione, entrambi i titolari sono stati denunciati alla procura. Se verranno condannati rischiano anche l’interdizione dall’esercizio delle attività commerciali. Le mascherine sequestrate sono state segnalate alla Protezione civile per l’adozione del provvedimento di requisizione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Controlli in elicottero

L'attività della guardia di finanza prosegue anche con verifiche sull'idoneità e salubrità dei prodotti sanitari messi in commercio, oltre a supportare la prefettura rispetto alle migliaia di richieste di deroga per riprendere l’attività economica
presentate dagli imprenditori negli ultimi giorni. Tutte le richieste infatti dopo un primo vaglio da parte della prefettura stessa, vengono inviate alle Fiamme gialle per riscontrare la veridicità delle dichiarazioni. Durante i giorni della Pasqua i controlli sul territorio verranno implementati anche con l'uso dell'elicottero della sezione aerea di Venezia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto tornando a casa, diciottenne Padovano perde la vita

  • Caccia senza licenza e in giorno di silenzio venatorio: denunciato 71enne

  • Live - Nuovo Dpcm in arrivo nel weekend: si va verso il coprifuoco

  • Coronavirus, Crisanti: «Siamo in un mare in tempesta. Secondo lockdown? Sarebbe inutile»

  • Coronavirus, Zaia: «Stiamo iniziando a entrare nel vivo della battaglia»

  • «Non ho la mascherina perché non riconosco la legge italiana»: scatta la multa di 400 euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento