menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Finti incidenti: il pm Dini chiede 20 anni di pena per ventidue imputati

Ha avuto inizio martedì, in tribunale a Padova, il processo che ha visto sotto esame un gruppo di truffatori che, tra il 2007 e il 2009, avrebbe messo in scena otto falsi sinistri stradali architettati tra Padova e provincia

Vent'anni di pena per 22 imputati. È questo il responso del pubblico ministero Sergio Dini relativamente all'associazione a delinquere finalizzata al fraudolento danneggiamento dei beni assicurativi nei confronti di ben 8 compagnie assicurative. Il secondo atto è previsto per il 27 ottobre.

I FATTI. Come riportano i quotidiani locali, martedì, in tribunale a Padova, ha avuto luogo il processo che ha visto sul tavolo degli imputati un gruppo di truffatori che, tra il 2007 e il 2009, avrebbe messo in scena otto finti incidenti, tra Padova e provincia, per un totale di 130mila euro di risarcimenti corrisposti dalle società assicurative, parte civile a processo.

SOLDI FACILI. Tra gli imputati si annoverano automobilisti, carrozzieri e medici compiacenti. Troppo spesso le persone coinvolte erano vittime di un "colpo di frusta" che comportava lunghe convalescenze e visite specialistiche per accertare l'invalidità della vittima. Una "macchina" ben organizzata, secondo l'accusa, per fare soldi facili che poi venivano spartiti tra i vari soggetti coinvolti. I padovani indagati sono residenti nel capoluogo, a Camposampiero, Borgoricco, Mestrino, Cadoneghe, Noventa, Legnaro, Vigodarzere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento