Cronaca

Fiorista violenta 16enne disabile poi le regala fiori e una coca cola

Il fatto alcune settimane fa a Padova. La polizia ha arrestato un 39enne bengalese titolare di un negozio in città. Vittima una ragazzina con un grave ritardo mentale che ai genitori ha raccontato: "Mi ha fatto male"

Ha approfittato di una sedicenne con un gravissimo ritardo mentale. Il titolare di un negozio di fiori a Padova, un 39enne bengalese, residente in città, è stato arrestato dalla squadra Mobile euganea con l'accusa di violenza sessuale.

"MI HA FATTO MALE". I fatti risalgono ad alcune settimane fa. Sono stati i genitori ad accorgersi che la figlia, rientrata a casa con un mazzo di fiori e una coca cola, era particolarmente scossa. Con molta difficoltà è riuscita a raccontare quanto le era accaduto, dando però indicazioni non precise e riferendo solo di uno straniero con dei fiori che le aveva "fatto male". Su questa base la Mobile di Padova ha individuato un box, in uso a vari immigrati del Bangladesh, che lo adoperavano come magazzino per i fiori. L'attenzione della polizia si è poi incentrata sull'indagato, che ha un negozio di fiori proprio a Padova, il quale ha negato qualsiasi contatto con la ragazza, riferendo di averle solo offerto dei fiori e dato una coca cola da bere.

INCASTRATO DALLE MUTANDE. Il primo sospetto è emerso quando l'uomo, sottoposto a perquisizione, è stato trovato privo degli indumenti intimi che lui ha giustificato di non portare per un'asserita allergia. Inoltre, i filmati di alcune telecamere mostrano l'indagato entrare nel box con la sedicenne uscendone 25 minuti dopo. Guardando il filmato, gli investigatori si sono accorti che l'uomo indossava altri abiti, diversi da quelli che aveva nel primo interrogatorio e, su delega del magistrato, si sono recati nuovamente nell'abitazione acquisendo i reperti. Il cerchio si è definitivamente chiuso con l'esito dell'Istituto di medicina legale che ha analizzato gli indumenti della ragazza riscontrando tracce di liquido seminale il cui dna combaciava con quello del bengalese. L'immigrato è stato raggiunto da un ordine di custodia cautelare in carcere emesso dal gip euganeo Domenica Gambardella su richiesta del pm Roberto Piccione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fiorista violenta 16enne disabile poi le regala fiori e una coca cola

PadovaOggi è in caricamento