Flash mob al circo Medrano, a Padova fumogeni per la libertà degli animali

La protesta de "La Foresta che Avanza" contro i circhi con animali davanti al circo Medrano a Padova

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

"No al circo con gli animali", questo è uno degli slogan che i militanti dell'associazione ambientalista 'La Foresta che Avanza' hanno lanciato nei pressi dell'ex foro boario in corso Australia a Padova, dove l'amministrazione comunale ha concesso l'autorizzazione al circo Medrano di sistemare il tendone. Con uno striscione che riportava la frase "LORO non si divertono", fumogeni bianchi e verdi ed un volantinaggio, una trentina di ragazzi ha espresso il proprio dissenso nei confronti dell'utilizzo degli animali all'interno dei circhi. A guidare la protesta Manuel Nardo, responsabile regionale dell'associazione ambientalista nata in seno a CasaPound Italia.

"Troviamo ingiusto - afferma Nardo - che un animale conduca la propria esistenza all'interno di una gabbia, solo per il divertimento di poche persone, senza considerare che, nella maggior parte dei casi, stanno in condizioni inaccettabili per qualsiasi essere vivente. Quello che ci preme - continua Nardo - è che i contributi statali vengano concessi esclusivamente ai circhi che non sfruttino animali. A livello locale chiediamo che le amministrazioni comunali siano sensibili a tale problematica impedendo nei loro Comuni la sosta di questi carrozzoni della sofferenza. Per tanto - conclude - invitiamo il sindaco Zanonato ad emanare un ordinanza comunale che vieti l'arrivo in città di questo genere di spettacoli, come è già stato fatto in altre città d'Italia".

Torna su
PadovaOggi è in caricamento