menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Boom di Floome: l'etilometro in una app tutto made in Veneto

Il programma sviluppato da Marco Barbetta, 26enne di Piove di Sacco, e da Fabio Penzo, 27enne di Caorle, permette di misurare il grado di alcol nel sangue attraverso lo smartphone

Se avete alzato un po’ troppo il gomito, non preoccupatevi: potreste fare l’alcoltest da voi stessi grazie a Floome, etilometro per smartphone. A idearlo e brevettarlo due ingegneri veneti Fabio Penzo, 27 anni da Caorle, e Marco Barbetta, 26 anni da Piove di Sacco. Si tratta di una tecnologia, per la misurazione della presenza di alcool nel volume d’aria, che impiega sì gli stessi sensori usati dalle forze dell’ordine, ma che riduce i costi di produzione rispetto agli etilometri professionali per renderlo accessibile a tutti. Basta inserire Floome nel jack audio dello smartphone e scaricare la relativa app. Non serve nemmeno la batteria ed è portatile.

COS'E' E COME FUNZIONA. Tutto è nato dall’amicizia e dal lavoro dei due ingegneri: il sogno dei due inizia a prendere forma nel 2012, quando vincono un premio per la prototipazione di Floome e costituiscono 2045Tech srl con Luca Escoffier, esperto internazionale di proprietà intellettuale. Il nome della società è di buon auspicio e comunica visionarietà e innovazione. Per non farsi mancare nulla, il team si amplia inoltre con un prezioso consulente proveniente dalla Silicon Valley. Il prototipo funziona, ma ci si rende presto conto che per passare dall’idea al prodotto “servono soldi”. Approdano così al Ban Veneto di Padova, luogo nato appositamente per far incontrare start-up ed investitori informali. Lì vengono messi in contatto con due imprenditori con un fiuto speciale per le idee di successo, che li finanziano e li affiancano in un percorso di sviluppo e industrializzazione di prodotto.


DAGLI USA ALL'ITALIA. Nel frattempo, grazie all’innovatività e alle prospettive di crescita, 2045Tech viene selezionata per entrare in Start Cube - l’incubatore Universitario di Impresa. Qui gli eventi si fanno incalzanti e giungono ai nostri giorni: a gennaio 2015 partecipano al CES di Las Vegas (fiera di portata internazionale per la tecnologia) e nel contempo vengono contattati da Vodafone Italia, che crede nel loro progetto e inizia a venderlo in anteprima nei suoi negozi e nel suo e-commerce. Non finisce qui: nell’estate del 2015 il prodotto verrà lanciato negli Stati Uniti. Grande è la soddisfazione di Ban Veneto e di Start Cube: Floome si dimostra infatti un esempio virtuoso di come la collaborazione territoriale possa innescare la scintilla per raggiungere risultati straordinari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento