menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I manifesti affissi dagli animalisti a Fontanafredda

I manifesti affissi dagli animalisti a Fontanafredda

Fontanafredda, cane “antifurto” a catena tra feci, urina e cibo di fortuna

Blitz nella notte di 100%animalisti che hanno affisso striscioni ai cancelli di una casa disabitata di via Chiesa per denunciare lo stato un cui viene tenuto un cane

Sempre alla catena - corta 150 centimetri - 24 ore su 24 in mezzo alle feci e urina, con acqua putrida, cibo di fortuna. Sfortunato protagonista un cane. A segnalarlo gli attivisti di Centopercentoanimalisti che, nella notte, dopo aver documentato con foto e video le condizioni dell'animale, hanno affisso manifesti di “liberazione animale” ai cancelli del villino disabitato in cui è custodito in via Chiesa a Fontanafredda di Cinto Euganeo. Della vicenda è stata inoltre informata l'Ulss.


“Oggi è riconosciuto a livello europeo che gli animali hanno una coscienza, non sono oggetti ma esseri viventi sensibili – dichiarano i militanti - Nonostante tutto, vi sono ancora molti individui particolarmente ignoranti e rozzi che considerano l'animale solo in base all'uso che possono farne, particolarmente diffuso a livello rurale è usare i cani come antifurto a costo zero. Il cane è sempre da solo, riparato da un tetto e come cuccia il cemento”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Il Sant'Antonio di Evyrein compare in centro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento