menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Francesco Lovison (foto da pagina Facebook Protezione civile distretto mediobrenta)

Francesco Lovison (foto da pagina Facebook Protezione civile distretto mediobrenta)

Un malore in acqua, muore sub del Servizio acquatico fluviale della Protezione civile

Lutto a Curtarolo e a Limena per la scomparsa improvvisa di Francesco Lovison. L'uomo è deceduto a seguito di un malore sopraggiunto durante un'immersione in Croazia

È una tragedia improvvisa quanto dolorosa, quella che, domenica sera, ha sconvolto due comunità del Padovano, quella di Curtarolo e quella di Limena. Entrambe piangono la scomparsa di Francesco Lovison, 62 anni, che, nella prima cittadina, viveva con la sua famiglia e, nella seconda, prestava servizio come volontario del Saf (Servizio acquatico fluviale) della locale protezione civile, che fa parte del Distretto Medio Brenta. 

LA TRAGEDIA. Francesco, con alcuni compagni del Saf, si era recato in Croazia per trascorrere del tempo insieme, facendo qualche immersione. Non si trattava di un'attività organizzata dal Gruppo, ma di un'iniziativa privata. "Una giornata di festa che si è trasformata in una tragedia - commenta la triste vicenda, Giuseppe Costa, sindaco di Limena e presidente del Distretto di Protezione Civile Medio Brenta - Lovison si trovava sott'acqua con il compagno Dario Benvegnù - racconta - quando gli ha fatto cenno a dei dolori al petto comunicandogli a gesti di voler risalire subito in superficie. Una volta riemersi - prosegue - Dario ha notato che l'amico aveva praticamente perso conoscenza e lo ha trascinato a riva".

I SOCCORSI. "C'erano gli scogli - prosegue il sindaco - quindi hanno dovuto attendere la barca di soccorso. Una volta saliti a bordo, gli sono subito state praticate le manovre di rianimazione. Al porto, intanto, era già arrivata l'ambulanza per il trasporto all'ospedale di Pola, dove, però, nonostante i tentativi dei medici di salvargli la vita, Francesco è deceduto".

"UN PROFESSIONISTA, SEMPRE DISPONIBILE". "È una tragedia per tutto il Gruppo, che in queste ore si stringe al dolore immenso della famiglia. Francesco - lo ricorda Costa - è sempre stato pronto e disponibile, inoltre era un sub esperto, di grande professionalità". Domenica sera, i colleghi del Saf si sono riuniti per ricordare l'amico scomparso improvvisamente. La salma è ancora in Croazia, a disposizione delle autorità locali. Sono in corso le procedure per il rimpatrio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento