menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Frode fiscale, fatture inesistenti Finanza a Padova: 28 perquisizioni

Due arresti sono stati eseguiti, nella mattinata di giovedì, nell'ambito di un'inchiesta della procura di Vicenza. Blitz delle fiamme gialle nelle sedi delle società coinvolte e nelle abitazioni dei titolari

Giovedì mattina, la Guardia di Finanza di Bassano del Grappa ha dato esecuzione a due ordinanze di custodia cautelare, una in carcere ed una agli arresti domiciliari, e a 28 perquisizioni, nell'ambito di un'inchiesta della procura di Vicenza sull'emissione di fatture per operazioni inesistenti, nelle province di Vicenza, Padova, Treviso, Verona e Belluno, Brescia e Crotone, nelle sedi delle società coinvolte nella frode fiscale e nelle abitazioni dei titolari.

I DUE ARRESTATI. La custodia cautelare in carcere è stata notificata ad A.G., di anni 44, residente a Zermeghedo (Vicenza), per aver emesso fatture per operazioni inesistenti utilizzando un’impresa che era lui, di fatto, a gestire, attraverso D. Z., di anni 61, di Cavaso del Tomba (Treviso), ora agli arresti domiciliari. In base alle indagini di polizia giudiziaria, coordinate dal pubblico ministero Gianni Pipeschi, i due arrestati, già noti per reati di carattere fiscale, adottavano lo schema tipico della frode perpetrata mediante l’emissione di fatture per operazioni inesistenti, con il fine di permettere a terzi di evadere le imposte dirette e l’Iva.

COME FUNZIONAVA LA FRODE. In particolare, l'emissione delle fatture sarebbe stata svolta da una società "cartiera", attiva dal 2012, priva di ogni attività imprenditoriale e che non effettuava alcun versamento delle imposte. I pagamenti, correlati alle fittizie operazioni sarebbero stati confluiti nei conti correnti della società "cartiera" per poi essere dirottati su conti correnti esteri, con causali non supportate da operazioni commerciali realmente effettuate. I successivi prelievi di denaro dai conti esteri da parte degli indagati sarebbero serviti per retrocedere il contante ai "beneficiari" della frode, trattenendone una percentuale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento