rotate-mobile
Cronaca

"Furbetti" del ticket, Zaia: "Ora controlli in altri settori""

Il commento del governatore della Regione sull'operazione delle Fiamme gialle venete che ha consentito di stanare numerosi finti poveri che richiedevano indebitamente l'esenzione

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

“Ringraziamo ancora una volta la Guardia di Finanza per l’azione di contrasto alle frodi e agli abusi in materia di spesa pubblica sanitaria. Il Veneto è, anche grazie al lavoro comune Regione–Guardia di Finanza, un laboratorio di legalità”. Con queste parole il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, commenta l’operazione che ha portato alla scoperta di nuovi “furbetti del ticket”.

“È un dovere assoluto di tutte le istituzioni – continua il Presidente  – scoprire ed emarginare i furbetti, i falsi poveri, quelli che lucrano su rendite di posizione. Spero che, una volta accertate in via definitiva queste malversazioni, la collettività venga risarcita del mal tolto. E soprattutto mi auguro processi amministrativi esemplari e celeri che sappiano gratificare i cittadini onesti, che sono la stragrande maggioranza dei veneti”.

“La sinergia con la Guardia di Finanza – aggiunge Zaia – non si ferma qui. Stiamo guardando avanti. È di questi giorni infatti l’avvio della collaborazione, tramite le Ater del Veneto, ancora con la Gdf, per verificare la liceità dei canoni di locazione di immobili pubblici. Controlli partiranno anche sulle prestazioni sociali agevolate, come ad esempio, i buoni scuola e l’esenzione da tasse universitarie”.

“Una Regione che oggi conta più di 160 mila disoccupati – aggiunge il governatore - non può permettere che proprio nel sociale si agisca a danno della collettività. In questa regione non c’è spazio per chi si macchia di azioni così esecrabili e che non rispetta la comunità di cui fa parte. Voglio cogliere questa occasione – conclude Zaia – per complimentarmi con la Guardia di Finanza anche per il metodo scelto e per l’impegno messo in campo nel contrasto dell’evasione fiscale. Penso, ad esempio, ai grandi risultati ottenuti contro coloro i quali avevano occultato all’estero grandi capitali. Si tratta di denaro sottratto agli ospedali, all’assistenza sociale, alla manutenzione ordinaria delle nostre strade, alle scuole e ai cittadini che hanno più bisogno. Anche da queste azioni passano il progresso e la giustizia”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Furbetti" del ticket, Zaia: "Ora controlli in altri settori""

PadovaOggi è in caricamento