menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dal campo nomadi di Padova ad Urbino per rubare nelle automobili

La coppia è stata denunciata per alcuni colpi messi a segno lo scorso 1 novembre. I due hanno numerosi precedenti penali alle spalle per reati contro il patrimonio, commessi principalmente nel nord e nel centro Italia

Sono due italiani di un campo nomadi di Padova gli autori di svariati furti messi a segno, durante le festività dei Defunti, lo scorso 1 novembre, ad Urbino. La coppia di malviventi aveva preso di mira le automobili di alcuni residenti e quella di una famiglia sanmarinese, rientrata in città per visitare i propri cari al cimitero di San Bernardino.

NOMADI PADOVANI LADRI AD URBINO. La polizia di Stato, al termine delle indagini, è risalita ai responsabili: si tratta di un uomo, V.A., 37enne, e di una donna, H.E, 47enne, entrambi pregiudicati e senza fissa dimora. I due hanno numerosi precedenti penali alle spalle per reati contro il patrimonio, commessi principalmente nel nord e nel centro Italia, prevalentemente in Veneto, Emilia Romagna, Lombardia e Marche. Ad Urbino, la coppia, forzando le portiere delle auto oppure rompendo i finestrini posteriori, aveva depredato le vetture del denaro e degli effetti personali in esse contenuti.

LE INDAGINI. Ad indirizzare le indagini verso i due, è stata l’estrapolazione delle immagini di tutti i bancomat presenti nella zona per un periodo di alcuni giorni dai furti. Efficace è stato il riscontro su un prelievo ad uno sportello di Gallo di Petriano avvenuto lo scorso 3 novembre, ottenuto utilizzando una carta di credito di proprietà della donna sanmarinese derubata due giorni prima. La coppia aveva ruoli specifici: mentre uno fungeva da palo, l’altro agiva indisturbato dopo aver individuato il veicolo da colpire.    

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento