menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un momento della conferenza stampa di presentazione dell'operazione

Un momento della conferenza stampa di presentazione dell'operazione

Badante segnala le case da derubare Furti anche nel padovano

Oltre una trentina i colpi messi a segno dalla banda, tra negozi e abitazioni private, anche nella provincia veneziana. Nel mirino Cittadella e Vigonza. 8 le persone arrestate

I carabinieri del Nucleo Investigativo e gli uomini delle compagnie di Padova e Venezia hanno sgominato una banda di ladri esperti, che da oltre un anno terrorizzava le due provincie venete, rubando nelle case e nei negozi. Otto i malviventi arrestati e ritenuti responsabili di oltre una trentina di furti. Le manette sono scattate martedì, dopo mesi di controlli, intercettazioni, pedinamenti e tracciature Gps. I delinquenti avevano infatti sviluppato tutta una serie di stratagemmi per evitare di venire identificati e la velocità con cui mettevano a segno i colpi rendeva ancora più difficile la loro cattura. A far scattare le indagini era stata, nel giugno dello scorso anno, la violenta rapina con sequestro e pestaggio avvenuta a Oriago, nel veneziano.

LA BANDA. Il gruppo di ladri era diviso in due gruppi, per un totale di otto membri. La prima batteria, meno organizzata, era composta da quattro individui, tutti di origine moldava, principalmente attivi al Lido, ma spesso “in trasferta” in terraferma. Proprio in queste occasioni “fuori sede” il gruppetto di delinquenti contattava i colleghi, ben più preparati, che operavano tra Padova e Venezia. Gli altri quattro elementi avevano infatti messo in piedi una vera e propria banda criminale, al cui vertice c'era un romeno di 27 anni; gli ultimi tre membri del gruppo, anch'essi moldavi, erano di età compresa tra i 20 e i 24 anni, come i “compagni” del Lido, e tra loro vi era anche una badante della stessa nazionalità, che grazie al suo lavoro segnalava le case da svaligiare ed era quindi diventata il braccio destro del capo. Tutti risultavano disoccupati ma regolari in Italia.

RAPINE IN VILLA: Le soffiate di escort e colf

I FURTI. I ladri in un anno erano riusciti a saccheggiare case e attività commerciali a Campagna Lupia, Cittadella, Chirignago, Mirano, Spinea, Santa Maria di Sala, Lido e Vigonza. Il modus operandi era sempre lo stesso: parcheggiata l'auto in uno stallo lontano dal bersaglio, i delinquenti arrivavano a piedi, durante le ore notturne, sul posto. Lì un paio di membri del gruppo procedevano con le razzie, mentre gli altri pattugliavano a piedi la zona, battendo tanto le strade secondarie quanto quelle principali, per assicurarsi che nessuno s'intromettesse e, se qualcosa andava storto, allertavano i compagni con il telefonino. Segno distintivo della banda era l'utilizzo di flessibili per aprirsi un varco nelle porte e nelle finestre, e recentemente i ladri stavano pensando di applicare lo stesso metodo per fare il “salto di qualità” e passare a rapinare distributori automatici e casse continue. Grazie ai sopralluoghi nei negozi e alle “dritte” della badante, la banda non temeva né la presenza di allarmi né di proprietari o gestori.

LE INDAGINI. A mettere sulla buona strada gli investigatori anche le cifre spese dai banditi: nonostante fossero tutti disoccupati, arrivavano a spendere anche 3.500 euro a settimana. La svolta però è arrivata pochi mesi fa, a febbraio, quando i carabinieri, fingendosi autostoppisti o nascondendosi nelle strade laterali, sono riusciti a cogliere in flagranza di reato quattro membri della banda subito dopo una rapina in un bar di Marghera. I delinquenti si erano nuovamente divisi in due squadre, una di pattuglia e un'altra operativa, ma le precauzioni questa volta non sono bastate. La banda era arrivata da Padova con una delle auto tracciate, lasciata come di consueto lontana dal bersaglio. Immediatamente dopo il colpo i ladri hanno immediatamente provveduto ad interrare la refurtiva in denaro in un buco già preparato in precedenza, in modo da risultare “puliti” in caso di controlli. Ora le manette sono scattate per tutti e otto i membri, i quattro del Lido sono accusati di furti in concorso, mentre per i quattro della terraferma le accuse sono di associazione a delinquere. L'indagine dell'Arma continua per identificare i ricettatori della banda e scoprire se il gruppo si sia reso responsabile di altri furti oltre alla trentina già segnalata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Attualità

Perquisizioni e ostacoli alle Coop: il Dap "commissaria" il Due Palazzi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento