menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un ingegnoso sistema per rubare l'acqua dei vicini: smascherato l'inquilino scroccone

I carabinieri hanno denunciato un 38enne di Tombolo che da diverso tempo utilizzava l'acqua di altri condomini a loro insaputa. Inizialmente tutti pensavano a una perdita

Ha usato per mesi la fornitura d'acqua dei vicini, che si sono insospettiti nel veder lievitare in modo spropositato le bollette e hanno fatto aprire le indagini.

I sospetti

Lo hanno incastrato con un controllo all'impianto condominiale, dove aveva realizzato un abile congegno per collegare il proprio impianto idrrico a quello di una famiglia residente nello stesso palazzo. Quando i carabinieri di Tombolo sono arrivati nello stabile, i loro sospetti hanno trovato conferma: non si trattava di una perdita o di un malfunzionamento, ma di un vero e proprio furto d'acqua.

Le ricerche

A rendersi conto di qualcosa di strano sono stati i malcapitati vicini, che da qualche mese vedevano arrivare bollette decisamente più alte rispetto al solito. Accertato che non si trattava di un problema all'impianto, si sono rivolti ai militari per fare chiarezza, fino ad arrivare a chiudere il cerchio attorno al dirimpettaio 38enne, già noto alla giustizia. L'uomo si era abusivamente attaccato alla condotta idrica, riuscendo a convogliare in casa propria l'acqua proveniente dall'altro appartamento. Una fornitura gratuita, che gli è però costata una denuncia per furto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento