Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca Porta Trento Sud / Via Coni Zugna

Tentano due furti in pieno giorno, a dare l'allarme una 13enne sola in casa

La ragazzina era sola in casa, la mamma era uscita per portare fuori il cane. Ha sentito dei forti colpi alla porta e ha chiamato la madre terrorizzata: la polizia ha bloccato i due ladruncoli

Due giovani croati di 15 e 19 anni hanno tentato due furti in pieno giorno. Nella prima casa c’era una 13enne sola che ha chiamato la madre spaventatissima.

Il furto

Mancava qualche minuto alle 11 del mattino di martedì 8 giugno. Una 13enne è rimasta sola nella casa che condivide con la madre in via Coni Zugna: la mamma era uscita con il cagnolino per una breve passeggiata. La ragazzina ha sentito suonare il campanello e dal videocitofono ha visto un ragazzo con una mascherina nera e uno zaino chiaro. Non lo conosceva, così non ha aperto. Poco dopo ha sentito dei forti colpi alla porta d’ingresso: spaventata, si è chiusa a chiave in una camera e ha chiamato la madre che a sua volta ha avvisato la polizia. Nel frattempo è scattato l’allarme e i ladri sono scappati. I poliziotti hanno visto evidenti segni di effrazione, praticati probabilmente con un cacciavite.

La ricerca

L’adolescente ha fornito una dettagliata descrizione del ragazzo che aveva visto, nonostante la paura. Descrizione che la centrale operativa ha diramato a tutte le pattuglie sul territorio. Il 15enne è stato visto poco distante, in via Caprera, mentre cercava di forzare un’altra porta d’ingresso. Nello zaino aveva dei calzini, usati come guanti, e due felpe per cambiarsi. All’inizio ha detto ai poliziotti di avere 13 anni ma l’esame osseo ha dimostrato ben altro. Mentre parlavano con lui, gli agenti hanno sentito del trambusto provenire dal retro della casa: il complice cercava di scappare ma è stato bloccato in via Vicenza. Anche lui ha detto di avere 13 anni ed è stato smentito dall’esame medico. Il 15enne lo scorso 12 maggio aveva commesso un furto a Rovigo e un altro in provincia di Vicenza: è stato arrestato per tentato furto in concorso e indagato per false generalità. È stato accompagnato al centro di pronta accoglienza di Treviso. Il complice è stato arrestato per tentato furto in abitazione continuato e in concorso e per false attestazioni sulla propria identità.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tentano due furti in pieno giorno, a dare l'allarme una 13enne sola in casa

PadovaOggi è in caricamento