menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il barcone Comacina

Il barcone Comacina

Il furto della batteria ha provocato l'affondamento della Comacina

All'origine della sparizione dell'imbarcazione, risucchiata dalle acque del Piovego, ci sarebbe l'asportazione della batteria. Ad una decina di giorni dal recupero, parlano gli Amissi del Piovego

"È stato il furto della batteria della pompa di sentina, una batteria da auto da 40 euro, che ha determinato il semiaffondamento (avvenuto ad agosto) della storica imbarcazione Comacina". Queste le parole dei referenti dell'associazione ambientalista e culturale Amissi del Piovego che si sono adoperati per il  recupero del barcone (Comacina) affondato nelle acque del Piovego. Furto che ha arrecato un danno di migliaia di euro.

RECUPERO. La Comacina è stata recuperata e successivamente messa in sicurezza e ripulita completamente dallo strato di fango che si era accumulato all'interno dello scafo a causa la permanenza in Piovego. "La rimozione di tutto il fango, anche da sotto le coperte di poppa e prua - spiegano gli Amissi del Piovego - ha definitivamente eliminato gli ultimi dubbi in merito alla scomparsa della batteria che alimentava la pompa di sentina. Non è stata trovata dentro lo scafo e quindi possiamo affermare che all’origine dell’affondamento vi sia la sottrazione dalla Comacina della batteria di alimentazione della pompa di sentina. Un furto".

POLEMICHE. "L'operazione di recupero aveva generato alcune sterili polemiche circa presunti problemi alla fauna ittica, per l'abbassamento del Piovego resosi necessario per l'operazione - continuano gli Amissi del Piovego - Ricordando che il tutto era stato autorizzato dagli enti competenti della regione Veneto, e specificamente monitorato dal settore caccia e pesca della provincia, si evidenzia che nessun danno o moria di pesci è stato poi riscontrato".

COMACINA. La Comacina nasce come imbarcazione per trasporto merci. Era arrivata a Padova nel 2012, trainata lungo il Naviglio del Brenta, e collocata all’ex porto fluviale del Gasometro di via Trieste - Ponte del Corso del Popolo, al Bastione dell’Arena.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento