Ladri in azione, ancora colpi a macchia di leopardo. Neanche l'allarme li ferma

Altri due colpi sono andati a segno durante il weekend tra il capoluogo e la provincia. In entrambi i casi il bottino è stato misero. Hanno agito con il favore dell'oscurità

(foto: archivio)

Che sia nel centro del capoluogo o in un paese dell'Alta Padovana, ai danni di un negozio o di una scuola, ad accomunare i due furti che vanno ad allungare l'impietosa lista dei raid dei ladri nel Padovano è il fatto di essere commessi di notte e di procurare un bottino assai contenuto rispetto ai danni provocati. Gli ultimi due episodi si sono consumati nel fine settimana, uno in corso del Popolo a Padova e l'altro in via Borgo Trento e Trieste a Camposampiero. Improbabile che si tratti della stessa mano, ma gli autori restano al momento ricercati.

A Padova

Domenica mattina la polizia è stata allertata per una spaccata ai danni di un centro estetico di corso del Popolo, poco lontano dalla stazione. Arrivati sul posto prima delle 9, gli agenti hanno appurato come la notte precedente qualcuno avesse forzato una porta laterale, introducendosi nel locale. Una volta dentro i banditi hanno rubato un computer portatile e l'intero registratore di cassa, dove erano stati lasciati circa cento euro in contanti. Informati i titolari, le indagini procedono ora con il vaglio delle immagini delle telecamere della zona che potrebbero aver immortalato eventuali persone sospette.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A Camposampiero

Lo stesso stanno facendo i carabinieri di Camposampiero, chiamati lunedì mattina dal dirigente scolastico della scuola per l'infanzia Umberto I con sede in via Borgo Trento e Trieste. Al momento della riapertura gli addetti si sono infatti resi conto che la porta d'ingresso era stata manomessa e che dagli uffici erano spariti un cellulare e qualche decina di euro in contanti. Dopo il sopralluogo gli inquirenti sono al lavoro anche per determinare l'esatto momento del furto: l'edificio è rimasto chiuso da venerdì pomeriggio a lunedì mattina, perciò i banditi hanno avuto il tempo di agire indisturbati. La struttura è anche dotata di un sistema di allarme, che però non è entrato in funzione. Resta da capire se i ladri siano quindi riusciti a metterlo fuori gioco o se si sia trattato di un malfunzionamento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Questa cosa non dura due settimane, abbiamo un progetto che arriva a maggio 2021»

  • Giordani: «Mia figlia vive un momento delicato, per alcuni giorni mi asterrò da qualsiasi attività pubblica»

  • Il Giro d'Italia arriva a Monselice: strade chiuse dalle 12.30, dodici i comuni interessati

  • Coronavirus, Zaia: «Ho l'impressione che questo Dpcm sia solo un "riscaldamento a bordo campo"»

  • Coronavirus, il prof. Ursini difende Andrea Crisanti: «Parole sgradevoli dal professor Palù»

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e nel Veneto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento