rotate-mobile
Cronaca Abano Terme / Via Vittorino da Feltre, 1

Ruba nella piscina comunale fingendosi un operaio: incastrato dalla perquisizione

Ha rimediato una denuncia per furto il 52enne italiano che aveva caricato in macchina e portato via due sdraio dalla struttura pubblica spacciandosi per un magazziniere in servizio

Era riuscito a portare con sé i due lettini sfilando indisturbato davanti a clienti e operatori spacciandosi per un magazziniere, ma il suo atteggiamento non è passato inosservato e la perquisizione domiciliare ha dato ragione agli inquirenti, che hanno trovato e recuperato i due oggetti.

Il furto

L'episodio risale alla metà di aprile, quando dall'area esterna della piscina comunale della cittadina termale sono spariti due lettini prendisole, messi a disposizione dei clienti che abitualmente sostano nello spazio verde fuori dalla struttura. A portarli via caricandoli in auto era stato un uomo, che con i presenti si era giustificando affermando di essere un operaio incaricato di prelevare il materiale.

Le ricerche

La versione non aveva però convinto tutti, tanto che ai carabinieri della stazione di Abano Terme è arrivata una segnalazione che, dopo aver appurato che nessuno aveva autorizzato la rimozione dei lettini, ha fatto partire le indagini per risalire all'identità del ladro. Dopo i primi accertamenti i militari hanno identificato l'autore del furto e hanno ottenuto dall'autorità giudiziaria il via libera per perquisirne l'abitazione.

La perquisizione

Il controllo ha confermato i sospetti dei carabinieri, che in casa hanno trovato i due complementi d'arredo, del valore di circa 200 euro, poi restituiti alla cooperativa che gestisce la piscina, i cui operatori erano rimasti fortemente turbati dalla sfacciataggine dimostrata dal ladro. Il colpevole, un 52enne italiano residente nel Padovano e con alcuni piccoli precedenti, è stato denunciato per furto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ruba nella piscina comunale fingendosi un operaio: incastrato dalla perquisizione

PadovaOggi è in caricamento