Dall'azienda sparisce quasi un quintale di ottone: i sospetti sul dipendente infedele

Un uomo è sospettato di aver trafugato a piccole dosi circa 80 chili di metallo dalla ditta dove lavora. I carabinieri lo hanno sorpreso con addosso alcuni dei pezzi incriminati

Pare che intascare i prodotti dell'azienda che gli dava lavoro fosse ormai diventata un'abitudine per un uomo della provincia, che si è visto recapitare una denuncia dopo il ritrovamento del bottino.

I sospetti

A mettere in moto le indagini sono stati i titolari della ditta di Fontaniva dove il 47enne è assunto da tempo. Da qualche mese avevano notato la sparizione di decine di connettori in ottone: un articolo molto usato in azienda, dove ne sono custoditi migliaia. Quando si sono resi conto che se ne erano volatilizzati ben 80 chili si sono insospettiti e hanno raccontato tutto ai carabinieri.

La refurtiva

Gl inquirenti sono risaliti a un dipendente di 47 anni di Grantorto e lo hanno tenuto sotto stretta sorveglianza. Una serie di appostamenti e pedinamenti ha dato la conferma per far scattare il controllo: quando si è trovato davanti i militari, l'uomo aveva con sè diversi spinotti in ottone. Per lui è scattata la denuncia con l'accusa di furto, le indagini proseguono per capire a cosa servisse il materiale e se fosse destinato a essere rivenduto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sui Colli: ciclista si scontra con un furgone, morto un 55enne

  • Rotogal brucia: inferno di fuoco all'alba. Il sindaco: «State in casa», Arpav monitora l'aria

  • Smantellato giro di prostituzione e casa di appuntamenti in un residence della Guizza

  • Live maltempo: a Padova e provincia black out e rami caduti, Venezia in ginocchio

  • Dalle acque gelide affiora un corpo di uomo: i passanti notano la salma lungo la riva

  • Cadavere in un campo, è un cacciatore sessantenne scoperto da un agricoltore

Torna su
PadovaOggi è in caricamento