Banda rame in manette: sei arresti e tre tonnellate di cavi recuperati

Il blitz dei carabinieri di Piove lunedì sera in un'abitazione di Ponte San Nicolò, dove i moldavi stavano sbucciando i fili per poi fondere il metallo. Il furto il 9 settembre scorso in un'azienda del Veneziano

I cavi in rame e gli attrezzi del mestiere rinvenuti dai carabinieri nel garage

Sorpresi a sbucciare cavi di rame, risultati rubati in un'azienda del Veneziano, sei moldavi sono stati arrestati in flagranza dai carabinieri della stazione di Ponte San Nicolò con la collaborazione dei colleghi di Legnaro e del Nucleo operativo e Radiomobile della compagnia di Piove di Sacco.

ANDIRIVIENI E RUMORI SOSPETTI. Il blitz è scattato lunedì sera, intorno alle 22, in un'abitazione in via Monte Sabotino a Ponte San Nicolò, dove la banda stava alacremente "lavorando" per preparare alla fusione il prezioso "oro rosso", ben pagato sul mercato nero. Gli uomini al comando del capitano Enrico Zampolli si erano appostati all'esterno a seguito delle segnalazioni giunte in caserma dai vicini, che avevano notato, specie in orario serale, l'andirivieni di gente che si fermava ad armeggiare nel garage dell'abitazione, provocando un rumore di ferraglia. Ad incrementare i sospetti che si svolgesse qualcosa di poco lecito all'interno, il posizionamento di stracci per tappare le feritoie e renderle off limits ad eventuali occhi indiscreti.

LA REFURTIVA E GLI ARRESTI. Uditi dei suoni di natura metallica, i militari dell'arma hanno deciso di intervenire, facendo irruzione nel garage e sorprendendo il gruppo di immigrati dell'Est intento ad eliminare con adatta strumentazione "pelacavi" la pellicola in gomma da un ammasso di fili in rame. Privi della documentazione che attestasse la provenienza lecita del materiale, a seguito di accertamenti, le tre tonnellate di rame rinvenute nel garage sono risultate provento del furto subito lo scorso 9 settembre dalla ditta Impianti tecnologici srl di Marghera. Il metallo è stato restituito al legittimo proprietario e la strumentazione sequestrata. Per i sei moldavi, invece, sono scattate le manette con l'accusa di riciclaggio in concorso. Si tratta di un 34enne residente con moglie e figlia nell'abitazione collegata al garage di Ponte San Nicolò, più altri cinque connazionali, parenti ed amici, tutti nullafacenti, di 19, un paio di 22, quindi 23 e 41 anni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lavoravano in nero e percepivano il reddito di cittadinanza: scoperti dalla guardia di finanza

  • Tragedia nell’Alta Padovana: malore improvviso, 16enne perde la vita

  • Ex seminario Tencarola venduto a società bergamasca

  • Il sorpasso azzardato causa lo scontro tra auto: un ferito elitrasportato in ospedale

  • Sgomberato l'hotel Sollievo Terme: all'interno c'erano una cinquantina di persone

  • Coronavirus, positivi 5 bambini del centro estivo e 8 ragazzi tornati dalla vacanza in Croazia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento