Vigonza, secondo colpo alla sala giochi: ladri in fuga con un bottino da 10mila euro

Nella notte tra giovedì e venerdì, ignoti si sono introdotti all'interno del locale di via Diaz e, dopo aver sradicato la cassaforte e forzato la macchina cambia monete, sono scappati con il maltolto

La sala giochi Izi play di Perarolo di VIgonza

Furto da 10mila euro a Perarolo di Vigonza alla sala giochi Izi play di via Diaz. È successo nella notte tra giovedì e venerdì. Ignoti, con un tubo d'acciaio hanno sradicato la cassaforte dal muro, contenente 4mila euro, e, a colpi di piccone, l'hanno sfondata. Con lo stesso modus operandi hanno forzato la macchina cambia monete dalla quale sono spariti altri mille euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

SECONDO COLPO. Infine, i malviventi hanno manomesso sei videopoker asportandone il contenuto. Nonostante la presenza del sistema d'allarme a fumogeni, non è entrato in funzione e per questo i predoni hanno potuto agire indisturbati. A dare l'allarme è stato il gestore della sala scommesse, un 41enne, residente a Camisano Vicentino. Sul posto sono giunti i carabinieri della stazione di Pionca di Vigonza. Un furto analogo era andato a segno nella notte tra domenica e lunedì.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tremendo schianto in serata lungo la Pelosa: morti due padovani, un ferito grave

  • Le acque del Bacchiglione restituiscono un corpo. Accanto l'auto abbandonata

  • Zaia: «Dal primo giugno via la mascherina. Si indossa solo quando serve»

  • Coronavirus, Zaia: «L'Azienda Ospedaliera di Padova? Nessuno mette in discussione Flor»

  • Live - Sangue sulle strade. Arrestato l'ex vicepresidente del Padova. Rogo sui Colli

  • Riceve per sbaglio oltre 5.000 euro, e non li restituisce: denunciato per appropriazione indebita

Torna su
PadovaOggi è in caricamento