menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gabriele Bortolin

Gabriele Bortolin

Malore mentre fa jogging, morto Gabriele Bortolin di Onè di Fonte

Podista molto conosciuto, aveva 48 anni e domenica stava percorrendo il sentiero degli Ezzelini. Un improvviso malore se l'è portato via. Faceva il progettista per la Novatec di San Martino di Lupari, nel Padovano

Era uscito insieme alla compagna per una corsa di domenica mattina lungo il sentiero degli Ezzelini ma improvvisamente, a Loria, nel Trevigiano, è crollato a terra ed è morto. Un malore improvviso, inaspettato, fulminante. Gabriele Bortolin si è accasciato al suolo e non si è più risvegliato nonostante i disperati tentativi di rianimazione da parte dei sanitari del Suem 118. Aveva 48 anni, abitava a Onè di Fonte e coltivava una grande passione per lo sport, in particolare per la corsa. Domenica mattina, come scrive la Tribuna di Treviso, è stato colto probabilmente da un infarto che lo ha ucciso.

LAVORAVA NEL PADOVANO. Era da poco rientrato da un viaggio in Cina, Gabriele faceva il progettista per la Novatec di San Martino di Lupari, nel Padovano. Era originario di Castelfranco Veneto. Poco prima di crollare a terra avrebbe incrociato per caso il suo datore di lavoro. Poi sarebbe ripartito, mentre la compagna nel frattempo si sarebbe spostata più avanti. Gabriele aveva fatto una breve sosta all'altezza di una fontanella. Poi, improvvisamente, il malore. Sembra che non avesse mai avuto problemi di salute, aveva con sè il cardiofrequenzimetro ma non c'è stato niente da fare. I passanti, i primi a soccorrerlo, hanno lanciato l'allarme al 118 che ha inviato un'ambulanza sul posto ma purtroppo non si è potuto fare altro che constatare il decesso del 48enne. La compagna nel frattempo aveva raggiunto la macchina. Erano partiti insieme e quando Gabriele si è sentito male stavano rientrando alla loro auto.

APPASSIONATO PODISTA. La notizia si è subito diffusa nel paese di origine di Gabriele e nel suo comune di residenza. Nel mondo del podismo il 48enne era molto conosciuto proprio per aver partecipato a diverse gare. "Ciao Gabriele. È stato fantastico fare un pezzo di strada assieme a te. Ora riposati e prega per noi se puoi. Io pregherò per te. Indimenticabile" è uno dei tanti messaggi di addio che hanno lasciato i suoi amici anche su Facebook. "La tua anima - scrive una cugina - vive ancora".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento