menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Galan, il giudice nega lo sconto di pena

Sulla decisione peserebbe la vicenda dei termosifoni e dei sanitari rimossi da Villa Rodella

Il giudice del tribunale di sorveglianza di Padova ha negato lo sconto di pena a Giancarlo Galan. L'ex governatore del Veneto - come riportano i quotidiani locali - rimarrà agli arresti domiciliari e non beneficerà, quindi, della decurtazione (45 giorni ogni 6 mesi di condanna espiata) prevista per i detenuti per buona condotta. 

LA VICENDA DEL TRASLOCO. Sulla decisione del giudice Marcello Bortolato peserebbe ancora la vicenda dei termosifoni e dei sanitari rimossi da Villa Rodella, storica abitazione di Galan a Cinto Euganeo, al momento del trasloco: la villa sui colli euganei era stata infatti confiscata a Galan a seguito del patteggiamento (2 anni e 10 mesi) nell'ambito della vicenda Mose per consentire allo Stato di recuperare i 2,6 milioni di euro che l'ex governatore doveva restituire.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento