menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Galan alla conferenza in cui ha illustrato la sua versione sulla villa di Cinto (fonte: Agi.it)

Galan alla conferenza in cui ha illustrato la sua versione sulla villa di Cinto (fonte: Agi.it)

Mose, giunta autorizza all'arresto di Galan: "Nessuna persecuzione"

Giovedì si è arrivati al primo punto fermo dell'iter che prevede un nuovo passaggio in aula martedì 15 luglio. Saranno i rappresentanti di Montecitorio a votare sull'arresto o meno dell'esponente di Forza Italia

La Giunta per le autorizzazioni a procedere della Camera ha approvato, a scrutinio palese a chiamata nominale, la richiesta di arresto spiccata dalla procura di Venezia nei confronti dell'ex governatore del Veneto (e ora onorevole) Giancarlo Galan, di Forza Italia. Sedici gli onorevoli a favore (Lega Nord, Partito Democratico, Scelta Civica, Sel e Movimento Cinque Stelle) e tre i contrari, ossia i rappresentanti di Psi, Forza Italia e Nuovo Centrodestra. Il presidente dell'assemblea Ignazio La Russa, invece, non ha partecipato alle votazioni.

LO SFOGO: "Non mi occuperò più di politica" - LA MEMORIA DIFENSIVA: "La mia verità sulla villa di Cinto" - IL SEQUESTRO: Sigilli a ville e barche - CASO MOSE: Richiesta d'arresto per Galan

LA DECISIONE FINALE IL 15 LUGLIO. I componenti della Giunta erano chiamati a stabilire se le indagini che hanno poi portato alla richiesta d'arresto di Galan fossero o meno caratterizzate da "fumus persecutionis". Dopo riunioni, assemblee e conferenze stampa fiume, dunque, giovedì si è arrivati al primo punto fermo dell'iter che ora prevede il passaggio in aula il 15 luglio prossimo. Saranno i rappresentanti di Montecitorio infatti, dopo un dibattito di tre ore, a votare sull'arresto o meno dell'esponente azzurro, finito nel mirino dei magistrati nell'ambito dell'inchiesta Mose, che ha portato in carcere altri pezzi da novanta del mondo politico e imprenditoriale veneto (tra loro l'ex assessore regionale alle Infrastrutture Renato Chisso). Sul voto fa capolino l'ipotesi del voto segreto, chiesto da alcune parti politiche.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento