menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Alessandro Zan sul palco del Pride Village in occasione del minuto di silenzio dedicato al 14enne gay romano suicidatosi perché deriso

Alessandro Zan sul palco del Pride Village in occasione del minuto di silenzio dedicato al 14enne gay romano suicidatosi perché deriso

Gay 14enne deriso si suicida Minuto di silenzio al Pride Village

Domenica il festival padovano ha interrotto momentaneamente le proprie attività in fiera per rivolgere un pensiero al ragazzo di 14 anni morto suicida a Roma lanciandosi dal terrazzo di casa

Il pubblico del Padova Pride Village, in piedi e in silenzio davanti al palco del Boulevard, ha voluto ricordare, con un minuto di silenzio, il ragazzo di 14 anni morto suicida a Roma lanciandosi dal terrazzo di casa perché non sopportava più di essere deriso per la sua omosessualità e, con lui, tutti coloro che diventano vittime dell’omofobia.

LEGGE CONTRO L'OMOFOBIA. L'iniziativa domenica sera, nello spazio in fiera dedicato alla kermesse estiva. "Questo purtroppo è uno dei tanti casi di cronaca che accadono nel nostro paese - ha sottolineato il deputato padovano di Sel Alessandro Zan dal palco del Village - Un Paese dove l’omofobia è un male sociale e dove culturalmente c’è un’omofobia molto forte che andrebbe contrastata innanzitutto con una legge. Ci sono dei detrattori – ha proseguito Zan - che non vogliono che si approvi una legge contro l’omofobia perchè questa impedirebbe libera opinione. I vari Binetti, Giovanardi, Roccella, tuttavia, si nascondono dietro a una falsa mancata libertà di opinione, in realtà per non approvare una legge di cività che dovrebbe essere universalmente accettata da tutti. Sono timidamente fiducioso che l’estensione della legge Mancino per i reati di omofobia e transfobia possa essere approvata anche in Italia".

L'INCHIESTA. Nel frattempo, la procura di Roma ha aperto un'inchiesta sul suicidio del 14enne di Roma. Saranno sentiti familiari, compagni di scuola e amici e controllati computer e social network, per capire se un fatto o una persona possano aver spinto il ragazzo a uccidersi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento