menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Mi considero un sopravvissuto, noi italiani siamo un grande popolo"

Gianluca Salviato, il tecnico liberato dopo otto mesi di rapimento in Libia, giovedì è stato ospite del Consiglio regionale: "Emozionato per tutto questo affetto". Presente anche il sindaco di Trebaseleghe

Ad alzarsi in piedi sono stati tutti i componenti del Consiglio regionale, che rappresentano l'intero Veneto. Idealmente, dunque, l'abbraccio di palazzo Ferro-Fini è stato quello di una intera comunità rimasta con il fiato sospeso durante gli otto mesi del rapimento di Gianluca Salviato. Mentre alla tv passavano le immagini di esecuzioni e di decapitazioni.

IN CONSIGLIO REGIONALE. Per lui, lavoratore originario di Martellago e residente a Trebaseleghe, c'è stato invece un lieto fine. Non scontato. Ne è consapevole soprattutto lui, liberato sabato scorso e ricevuto giovedì mattina in Consiglio regionale: "Io credo di essere un sopravvissuto - ha sottolineato davanti all'assemblea di palazzo Ferro-Fini - Sono stato fortunato rispetto ad altre persone finite nelle mani di gruppi jihadisti". Dopodiché ancora una volta Salviato ha messo in luce i due elementi che gli hanno permesso di resistere in quello stanzino, minacciato da giovani incappucciati per giorni, settimane, mesi: "Mi ha aiutato il pregare molto - ha ribadito - Ho avuto l'onore di aver conosciuto gli uomini della Farnesina, che hanno lavorato anima e corpo per me".

IL VIDEO: Calorosa accoglienza a Trebaseleghe per Salviato

SALVIATO RIVIVE L'INCUBO: "Pensavo che sarei morto"

"SONO ITALIANO". Sentiva che lo Stato non l'avrebbe dimenticato: "Ho chiesto il tricolore al mio ritorno perché sono italiano - ha spiegato - la bandiera c'è sempre stata negli uffici in cui ho lavorato. E anche sugli elmetti che ho indossato. Nonostante tutti i nostri difetti - scandisce - ricordiamoci che siamo un grande popolo". Alla fine il ringraziamento per "l'accoglienza e l'attestato di affetto che mi avete tributato". Gianluca Salviato era emozionato, forse anche per tutte le giornate "piene" di questi giorni. Il ritorno a una quotidianità ("anche solo potersi lavare i denti è una gioia", aveva spiegato) tanto desiderata, quanto fino alla settimana scorsa ancora lontana.

SINDACO TREBASELEGHE. "Con Katia, la moglie di Gianluca (presente a palazzo Ferro-Fini, ndr), abbiamo vissuto otto mesi meno duri di quelli di Salviato. Ma comunque molto pesanti - ha dichiarato il sindaco di Trebaseleghe Lorenzo Zanon, introducendo l'ospite - La prima tentazione è stata di organizzare manifestazioni e fiaccolate, ma dalla Farnesina ci hanno detto di tenere un basso profilo. Ci siamo fidati di questi professionisti. Nonostante ciò abbiamo comunque fatto pressioni sulle istituzioni. Ringrazio - ha concluso - in questo senso il presidente del Consiglio regionale Clodovaldo Ruffato e il governatore Luca Zaia per come si sono mossi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Come fare una manicure semipermanente in casa senza l’uso della lampada

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento