menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giovani sempre più digitali: connessi h24 ma legati alla famiglia, 1 su 2 vittima di bullismo

È questa la fotografia che emerge dallo studio "Crescere", l'indagine longitudinale promossa dalla Fondazione "Emanuela Zancan" che ha come obiettivo quello di capire come crescono i ragazzi dagli 11 ai 18 anni nel passaggio dall’infanzia all’adolescenza

Trascorrono gran parte delle loro giornate in rete ma è nelle relazioni umane che trovano sicurezza: al primo posto gli amici poi la famiglia. Sono questi alcuni degli aspetti salienti che emergono dallo studio "Crescere" promosso dalla Fondazione "Emanuela Zancan: un'indagine che monitora un campione di mille ragazzi delle province di Padova e Rovigo dai 12 ai 18 anni per capire i loro cambiamenti in un passaggio chiave della loro vita dall'infanzia all'adolescenza.

L'INDAGINE.

Quattro su dieci navigano liberi in rete: il 96% usa WhatsApp, il 50% ha un profilo Facebook e oltre il 70% di loro usa Instagram. Un dato negativo riguarda il gioco on line: il 9% ha giocato d'azzardo in rete mentre l'altro il bullismo: il 56% dichiara di esserne stato vittima, il 51%, ammette di aver vessato i propri coetanei; infine, Il 16% racconta di essere stato vittima di cyberbullismo. Per quanto riguarda invece gli hobby, il 74% dei maschi e il 67% delle femmine pratica sport. La pratica sportiva è più diffusa tra gli studenti di liceo (81%) e di istituti tecnici (72%) rispetto ai ragazzi dei professionali (57%). 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Come fare una manicure semipermanente in casa senza l’uso della lampada

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento