menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'ospedale di Rovigo

L'ospedale di Rovigo

L'autopsia sul bambino di 6 anni di Anguillara morto in ospedale non risolve i dubbi

Un problema acuto all'intestino avrebbe stroncato Giovanni Morello, ricoverato per un'influenza intestinale al nosocomio rodigino. Ma ancora non si sa cosa l'abbia provocato

Non è ancora chiaro cosa abbia provocato la morte di Giovanni Morello, il bimbo di 6 anni di Anguillara Veneta deceduto, mercoledì 13 gennaio, all'ospedale di Rovigo, dove era ricoverato da un paio di giorni al reparto di Pediatria per un'influenza intestinale. Sulla vicenda il pubblico ministero rodigino Davide Nalin ha aperto un'inchiesta per omicidio colposo: tutti i medici (sette) che hanno visitato il piccolo dal suo ingresso in ospedale sono stati iscritti nel registro degli indagati e le cartelle cliniche sono state sequestrate.

L'AUTOPSIA. Nelle scorse ore, i consulenti nominati dalla Procura, Raffaele De Caro e Andrea Porzionato, entrambi docenti alla facoltà di Medicina dell'università di Padova, hanno eseguito l'autopsia sul piccolo, per indagare le cause che hanno portato al tragico epilogo di quello che inizialmente era sembrato un ricovero semplice.

RESTANO I DUBBI. Sembra, come riportano i quotidiani locali, che, a provocare la morte del bambino, sia stato un problema acuto all'intestino, ma non sarebbe ancora chiara l'origine di questa complicazione. Entro 60 giorni, i due medici dovranno depositare il proprio rapporto sulle cause del decesso. L'esame autoptico si è svolto alla presenza dei consulenti di parte degli indagati e della famiglia. Ad assistere i genitori del bimbo, il legale Cristiano Violato di Vigonza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento