Tragedia Grenfell Tower, veglia per Gloria e Marco: il dolore di amici e parenti

Sui social network centinaia di messaggi. Il parroco: "Affidiamoci alla preghiera"

Gloria Trevisan (a destra) con le amiche (foto: Facebook)

Oltre duecento persone hanno partecipato venerdì alla veglia dedicata a Gloria Trevisan e Marco Gottardi, i due giovani di Camposampiero e San Stino di Livenza (Venezia) coinvolti nel rogo della Grenfell Tower a Londra. Tra i presenti c’erano amici e parenti, ma non la famiglia di Gloria distrutta dal dolore.

LA TRAGEDIA DI LONDRA

IL COMMENTO. Don Claudio Bosa, parroco di Camposampiero, durante la cerimonia ha detto: «Siamo qui stasera per metterci accanto ai genitori, ai fratelli, nonni, tutta la famiglia, amici e conoscenti di Gloria e Marco. Ci rimane la preghiera. Hai lasciato che il Tuo corpo fosse martoriato dai flagelli. Anche i corpi di Gloria e Marco sono stati martoriati dal flagello delle fiamme. Vorremmo chiederti il perché. Non c’è una risposta, se non la fede che tu eri accanto a loro in quella torre nera».

L'ULTIMA TELEFONATA A MAMMA E PAPÁ

LA COMMOZIONE. Giovedì il profilo Facebook di Gloria si è trasformato «in memoria di», per raccogliere in maniera indelebile i ricordi della giovane. Anche sul profilo Instagram tantissime persone hanno lasciato messaggi di commozione. “Sono straziata dal dolore e dall’angoscia”, commenta la cugina Ingrid sotto una foto di Gloria e Marco sorridenti e abbracciati.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Festa del Salone, incontri, fiere, mercatini e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Violento schianto contro un platano: conducente estratto dalle lamiere e trasportato in ospedale

  • Giallo ai piedi della Specola, due cadaveri in casa: sono due fratelli

  • Trova un rotolo di banconote per terra e lo consegna alla polizia locale: succede nell'Alta

  • Blocco del traffico, come funziona: il vademecum con tutte le informazioni utili

  • Giro d'Italia: la tappa del 22 maggio 2020 avrà l'arrivo a Monselice

Torna su
PadovaOggi è in caricamento