menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il comando provinciale della Guardia di Finanza

Il comando provinciale della Guardia di Finanza

Finanza, sequestri per 3 milioni e 162 evasori a Padova nel 2014

I risultati delle attività in materia di tutela della spesa pubblica, lotta alle frodi, alla criminalità economica, contrasto ai traffici illeciti. Eseguiti 4.564 controlli. Sequestri di beni, valuta e conti correnti per 3 milioni di euro

Nel 2014 la Guardia di Finanza ha portato a termine in provincia di Padova complessivamente 4.564 controlli. Sono stati sequestrati beni mobili, immobili, valuta e conti correnti per oltre 3 milioni di euro.

FRODI E REATI FISCALI L’attività di contrasto all'evazione ha portato alla denuncia di 145 responsabili di frodi e reati fiscali, principalmente per aver utilizzato o emesso fatture false (34 violazioni), per omessa presentazione della dichiarazione (41 violazioni) e per occultamento o distruzione delle scritture contabili (15 violazioni).

EVASIONE DIFFUSA. Nel 2014 sono stati sequestrati beni mobili, immobili, valuta e conti correnti per oltre 3 milioni di euro. Allo scopo di prevenire e contenere la fenomenologia evasiva diffusa o di massa, i Reparti della provincia di Padova hanno eseguito migliaia di controlli che riguardano singoli atti di gestione, i rapporti fra clienti e fornitori, l’emissione di scontrini, ricevute e fatture, la circolazione delle merci su strada, l’identificazione di soggetti in possesso di beni indicativi di alta capacità contributiva. È risultato irregolare il 31% degli oltre 3.300 controlli sul rilascio di scontrini e ricevute fiscali: in pratica un’attività commerciale su 3.

EVASIONE FISCALE INTERNAZIONALE. Particolare attenzione è stata dedicata all’evasione fiscale internazionale. Su questo fronte, l’azione di controllo ha permesso di individuare 2 casi, che hanno riguardato complessi sistemi di società estere, (canadesi, delle Isole Vergini Britanniche, panamensi) costituite per creare fondi “neri” in paradisi fiscali attraverso operazioni societarie o cessioni infragruppo, anche a costo “zero”, con conseguente costituzione di somme all’estero soggette ad un regime di tassazione più agevolato.

FRODI IVA. 31 i casi di “frodi IVA”. In questo ambito, un’indagine svolta dal Nucleo pt di Padova che ha permesso di scoprire una cosiddetta società filtro che ha emesso ed utilizzato fatture per operazioni inesistenti per circa 150 milioni di euro.

LAVORO NERO. Sul fronte dell’emersione delle attività economiche svolte totalmente “in nero” sono stati 162 gli evasori totali scoperti sull’intero territorio della provincia di Padova. Tra i settori maggiormente interessati dal fenomeno si segnalano le attività di costruzione di edifici, il commercio all’ingrosso, gli agenti e rappresentanti di commercio. Sono stati inoltre individuati 21 lavoratori completamente “in nero” e 192 irregolari, impiegati da 15 datori di lavoro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento