rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Cronaca Cittadella

Guardia giurata spara al bandito in fuga, lettera di minacce recapitata all'azienda

"Vi porteremo la sua testa infilata in un ferro da spiedo", sarebbe questo il contenuto della missiva recapitata all'azienda di Cittadella e consegnata nelle mani del capo della polizia Franco Gabrielli e del sottosegretario al ministro della Giustizia Cosimo Maria Ferri

Una lettera di minacce sarebbe stata recapitata all'azienda di Cittadella per la quale lavora la guardia giurata che nei giorni scorsi ha sparato ferendo al volto Manuel Major, il giostraio 36enne di Giavera del Montello (Treviso), nel tentativo di fermare la fuga dell'uomo che con alcuni complici aveva tentato poco primadi far saltare il bancomat di Veneto Banca di Trevignano. Il giostraio era stato portato in gravi condizioni all'ospedale Ca' Foncello di Treviso dove è morto il 25 aprile scorso.

"LA LEGITTIMA IN-DIFESA". Come riportano i quotidiani locali, la notizia sarebbe emersa sabato mattina, durante il convegno sulla "La legittima in-difesa" organizzato dal sindacato di Polizia Coisp a Martellago (Venezia) nel quale erano presenti tra gli altri Robertino Zancan, titolare della gioielleria di Nanto (Vicenza) vittima di una agguato di banditi nel 2015, Graziano Stacchio, il benzinaio vicentino che fece fuoco contro i banditi che avevano tentato di rapinare una gioielleria e il tabaccaio di Civè di Correzzola Franco Birolo.

TESTA INFILATA IN UN FERRO DA SPIEDO. "Vi porteremo la sua testa infilata in un ferro da spiedo", sarebbe questo il contenuto della missiva che è stata consegnata nelle mani del capo della polizia Franco Gabrielli e del sottosegretario al ministro della Giustizia Cosimo Maria Ferri intervenuti al convegno.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Guardia giurata spara al bandito in fuga, lettera di minacce recapitata all'azienda

PadovaOggi è in caricamento