Ubriachi al volante: due le patenti ritirate nella provincia di Padova

Tra il pomeriggio e la notte di lunedì sono stati denunciati due conducenti pizzicati alla guida con un tasso alcolemico superiore al consentito. Gli episodi sono stati segnalati tra i comuni di Baone e Codevigo

Due episodi di guida in stato di ebrezza sono stati segnalati tra il pomeriggio e la notte di lunedì a Baone e Codevigo. Nel primo caso, i carabinieri dell'aliquota radiomobile della compagnia di Este hanno denunciato B.D., 36enne di Este, operaio con precedenti. L'uomo, alle 17 circa, si trovava a bordo di una Opel Tigra lungo via Ca' Borini. Procedeva zigzagando e si fermava pericolosamente al centro della carreggiata.

ALCOLTEST. Fermato dai carabinieri è stato sottoposto a controllo. Il soggetto appariva in evidente stato di ebbrezza, con un cartone di vino, aperto, collocato tra le gambe, ed altri tre all'interno del veicolo. Sottoposto ad alcoltest, il conducente risultava positivo con 2,46 g/l. Immediato il ritiro della patente.

CODEVIGO. Nella notte di lunedì invece, i militari dell'Arma hanno notato un'auto Citroen C3, ferma a motore acceso, lungo la Sr 516. A bordo due persone, un uomo ed una donna che discutevano animatamente. Sono stati dunque controllati dai carabinieri del Norm di Piove di Sacco e l'autista, in apparente stato di ubriachezza, è stato sottoposto a etilometro. Il 55enne è risultato avere un tasso alcolemico pari a 1,47 g/l. Anche in questo caso è scattata la denuncia e il ritiro patente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gravissimo incidente, esce di strada e si schianta nel fosso: muore un 56enne

  • «Bisogna mozzargli mani e piedi»: minacce via Facebook al sindaco di Cadoneghe

  • Schianto in moto: ricoverato in gravi condizioni Fausto Dorio, sindaco di Villafranca

  • Scoperti due boss dello spaccio nella Bassa: i clienti per proteggerli finiscono denunciati

  • Donna falciata in strada davanti al Cnr: centrata da un’auto è gravissima

  • Rapina al bar: titolare legato e minacciato dai banditi armati dopo la chiusura

Torna su
PadovaOggi è in caricamento