menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Hera AceGas Aps: 72 ore di lavoro no stop per ripristinare illuminazione pubblica, servizi ambientali e idrici

Su circa 50 interventi di HeraLuce, svolti da 3 squadre, oltre la metà hanno riguardato la messa in sicurezza di cavi e pali dell’illuminazioni abbattuti o pericolanti

E’ stata una 72 ore di lavoro nostop per AcegasApsAmga e la controllata HeraLuce, impegnate nelle attività di ripristino e messa in sicurezza a seguito degli eccezionali eventi atmosferici degli ultimi 3 giorni, ultimo in ordine di tempo l’intensa grandinata di ieri sera. Sono stati 3 i fronti di attività: illuminazione pubblica, servizi ambientali e servizi idrici.

Illuminazione pubblica

Numerosi alberi hanno abbattuto cavi dell’illuminazione pubblica. Su circa 50 interventi di HeraLuce, svolti da 3 squadre, oltre la metà hanno riguardato la messa in sicurezza di cavi e pali dell’illuminazioni abbattuti o pericolanti in diversi punti della città. A tali attività, che hanno anche comportato la messa in sicurezza di 4 cabine di media tensione, seguiranno le attività di ripristino vere e proprie per ridare l’illuminazione ai circa 100 punti luce della città attualmente fuori servizio, localizzati a macchia di leopardo in tutta la città. Tali attività dureranno circa un paio di settimane.

Servizi ambientali

Le attività ha riguardato sia la pulizia delle strade che, soprattutto, delle caditoie di scolo dell’acqua, ostruite da foglie e ramaglie. In tutto hanno operato circa 15 persone, fra squadre del Comune e squadre AcegasApsAmga, coadiuvati da spazzatrici e altre attrezzature per la rimozione del fogliame. Anche in questo caso le attività di ripristino completo delle caditoie, distribuite su tutto il territorio cittadino, impiegheranno a partire da oggi circa un paio di settimane.

Servizio idrico

In totale sono state impiegate circa 15 persone, coadiuvate da autobotti e altre attrezzature idrovore, per lo svuotamento e la pulizia dei numerosi sottopassi allagati. Fra sabato e domenica i più critici sono stati quelli di via Danoli e quello di via Capitello. Nella notte fra ieri e oggi, a seguito della grandinata, la situazione più critica si è registrata nel sottopasso di via Fornaci, i cui lavori di svuotamento e pulizia sono terminati solo alle prime luci dell’alba. Sempre la notte tra domenica 22 e lunedì 23, si è proceduto a interventi idraulici di emergenza in via Crescini (dove è attualmente aperto un rilevante cantiere proprio nell’ambito del piano anti-allagamenti di Comune e AcegasApsAmga), in via Forcellini (angolo via Sografi) e al Parco delle Farfalle. In tutti e tre i casi, la situazione è tornata alla normalità attorno alle 3 del mattino.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento