Blitz nel ricovero degli spacciatori: nel casolare fatiscente c'è anche un minorenne

Tre stranieri irregolari di cui uno minorenne sono finiti all'Ufficio immigrazione dopo un controllo in un fabbricato in disuso scaturito dalle segnalazioni dei residenti

Il casolare abbandonato. A destra un dettaglio dell'interno

Una grande cascina lungo l'argine Brentella era diventata il rifugio di pusher e irregolari, che durante l'estate approfittavano dei tanti giovani assiepati lungo il canale per spacciare. Traffici che non sono passati inosservati agli occhi dei residenti, che più volte li hanno segnalati alla polizia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La perquisizione

Ne è nato un blitz organizzato venerdì pomeriggio dalla Squadra volante, che si è presentata nello stabile di via Sette Martiri, all'altezza dell'incrocio con via Pelosa, vicino al parco Brentelle. Gli agenti perlustrando tutte le stanze si sono trovati davanti una situazione di estremo degrado, con cumuli di sporcizia, rifiuti e vecchio mobilio tra cui erano stati sistemati alla meglio dei giacigli di fortuna. All'interno vi erano tre persone, tre uomini tutti di nazionalità tunisina e irregolari in Italia. Trasferiti in questura sono stati identificati e si è scoperto che uno di loro, minorenne, è un noto spacciatore che fa base stabile nel rione San Carlo. Messi a disposizione dell'Ufficio immigrazione, per il più giovane è scattato l'affidamento a una comunità protetta di Marghera.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Live - In serata morto un 47enne. Ripartenza, tornano i pranzi sui colli

  • Gravissimo incidente nella serata: un decesso e due persone ferite nello schianto

  • Coronavirus, Zaia: «Dal primo giugno non ci sarà più l'obbligo della mascherina all'aperto»

  • Tremendo schianto in serata lungo la Pelosa: morti due padovani, un ferito grave

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Zaia: «Dal primo giugno via la mascherina. Si indossa solo quando serve»

Torna su
PadovaOggi è in caricamento