menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'inaugurazione

L'inaugurazione

Inaugurato lo scolmatore di piena Limenella-Fossetta per la difesa idraulica di Padova Nord

Il bacino interessato dal collettore comprende popolose unità urbane come Ponterotto, Sacro Cuore, Altichiero, Pontevigodarzere, San Carlo, Arcella, San Bellino, Mortise, Torre, San Lorenzo, San Lazzaro, Ponte di Brenta, Fiera, Stazione e Stanga

L’Assessore regionale Giuseppe Pan, in rappresentanza del presidente del Veneto Luca Zaia impossibilitato a partecipare per il prolungarsi di alcuni incontri istituzionali a Venezia, ha inaugurato giovedì a Padova, con il sindaco Massimo Bitonci e varie autorità, lo scolmatore di piena Limenella-Fossetta per la difesa idraulica della zona di Padova Nord.

LE ZONE INTERESSATE. Si tratta di un’opera fondamentale per la sicurezza idraulica dei quartieri nord della città, dove risiedono circa 75mila abitanti. Il bacino interessato dal collettore ha un’estensione di 3.200 ettari, di cui 1.760 urbanizzati, e comprende popolose unità urbane come Ponterotto, Sacro Cuore, Altichiero, Pontevigodarzere, San Carlo, Arcella, San Bellino, Mortise, Torre, San Lorenzo, San Lazzaro, Ponte di Brenta, Fiera, Stazione e Stanga.

18 MILIONI E MEZZO. Le opere finanziate (18,5 milioni di euro, dei quali 7,5 della Regione, 4 del Comune, 3,5 del Consorzio di Bonifica Bacchiglione e 3,5 ottenuti da un accordo tra Regione e ministero dell’Ambiente) sono relative al primo stralcio funzionale, e sono in grado di sottrarre, in fase di piena, una portata di 4.800 litri al secondo.

BITONCI. È una di quelle opere fondamentali insieme a tante altre che verranno fatte in futuro e che abbiamo già programmato anche per la zona sud, perché questa risolve diciamo parzialmente i problemi della zona nord, nord-est. Questi sono soldi assolutamente ben spesi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento