menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Inaugurati a Cittadella i nuovi elisoccorso e pronto soccorso

Dal senatore De Poli a Luca Zaia e con il vicepresidente della regione del Veneto, a festeggiare il traguardo dell'Ulss 15 c'erano davvero tutti. Si punta a rendere "i tempi di risposta alle richieste di prenotazione adeguati"

Lunedì 19 giornata di festa per l’ospedale di Cittadella, dove si sono potuti tagliare ben due nastri. Il primo è quello del nuovo pronto soccorso e il secondo quello dell’elisoccorso. Un traguardo importante per l’Ulss 15 Alta padovana. Moltissime le autorità intervenute: dal senatore Antonio De Poli al vicepresidente della regione Veneto Marino Zorzato, non è mancato neppure il presidente della regione del Veneto Luca Zaia.

UN NUOVO PRONTO SOCCORSO, FINALMENTE! “Sono orgoglioso che finalmente abbiamo voltato pagina riuscendo a garantire a chi accederà al pronto soccorso di Cittadella degli spazi idonei, funzionali e per certi versi rispettosi degli utenti – ha sottolineato il direttore generale dell’Ulss 15 Alta padovana Francesco Benazzi – La struttura sicuramente è di altissima qualità in quanto gli alti standard sono quelli indicati dalla volontà regionale, che dimostra di avere a cuore il cittadino e di voler comunicare nella maniera più opportuna con le persone”. Si vuole puntare al futuro, non solo con aree per poter ricaricare gli smatphone e i tablet, ma cercando di rendere efficiente la struttura che potrà, come afferma Luca Zaia, “migliorare le liste d’attesa. La priorità è fare in modo che i tempi di risposta alle richieste di prenotazione siano adeguati e legati al buon senso”.

I DETTAGLI. Il nuovo pronto soccorso si estende su una superfice di circa 3000 metri quadri ed è inserito in un edificio che, a regime, riunirà tutte le funzioni correlate all’emergenza. La struttura è dotata di un’ampia area per l’osservazione breve, organizzata in poltrone e posti letto (dieci), suddivisi in quattro camere, una delle quali filtrata e protetta per ospitare eventuali casi di pazienti con sospetta prognosi di malattia infettiva. Non manca l’area bambini. La nuova “piastra emergenze”, ancora grezza, si articola poi su quattro piani e, oltre a ospitare al piano terra il pronto soccorso e l’elipiazzola, al primo piano ci sarà spazio per la radiologia e al secondo piano la nuova sede del servizio di dialisi. Il tutto è previsto in attivazione nei prossimi mesi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento