Sant'Elena, a fuoco campo di grano. Coldiretti: "Caldo = gravi danni"

Una coltivazione di frumento ha preso fuoco oggi nel comune della Bassa Padovana costringendo i vigili del fuoco a intervenire. Tutta la zona sud di Padova, secondo l'associazione di categoria, sta subendo forti perdite di raccolto

I vigili del fuoco impegnati a spegnere le fiamme a Sant'Elena

Complice il caldo, oggi nella Bassa padovana, nel comune di Sant'Elena, un incendio è divampato in un campo di grano dove erano già state confezionate le tipiche "balle" di fieno. Per sedare le fiamme sono dovuti intervenire i vigili del fuoco. Qualche giorno fa era accaduto a Porto Tolle, nel Rodigino, dove erano bruciati 25 ettari di grano duro.

-80% DI RACCOLTO. A riferirlo è la Coldiretti, che annuncia dati a dir poco pessimistici sui danni subiti dall'agricoltura a causa del grande caldo accompagnato da siccità dei terreni di questi giorni. Nella campagna fra Tribano e Pozzonovo, in un vasto appezzamento di proprietà della Casa di Riposo “Beggiato” di Conselve, si registrano perdite di almeno l’80 per cento del mais. Ad avere la peggio in questi giorni di gran caldo sono i seminativi, che non stanno maturando ne crescendo, a causa dello stress idrico. Già attivate tramite Coldiretti  le procedure di segnalazione dell’emergenza ai Consorzi di Difesa Avversità competenti dai quali le colture sono assicurate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

mais bruciato dal sole-2SCORTE IDRICHE INSUFFICIENTI. "La penuria d'acqua - spiega la confederazione agricola - si fa sentire soprattutto nella bassa Padovana, nell'area dell'alto veneziano e nel Polesine, dove da settimane non si registrano precipitazioni apprezzabili e la richiesta d'acqua per l'irrigazione è superiore alla disponibilità". Secondo Coldiretti si tratta del risultato della scarsità delle scorte accumulate nello scorso inverno e primavera quando le precipitazioni non sono riuscite a colmare i bacini di montagna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro auto moto lungo la Romea: i veicoli prendono fuoco, morto il centauro

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Live - Coronavirus, un nuovo decesso all'ospedale di Padova

  • Coronavirus, l'aggiornamento a Padova e in Veneto: positive anche due sorelline di 3 e 6 anni

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Frodi fiscali nelle importazioni di auto usate: sequestrati beni per 2 milioni

Torna su
PadovaOggi è in caricamento