menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La chiesa di Fontaniva danneggiata dall'incendio (fonte foto: Facebook Sei di Fontaniva se...)

La chiesa di Fontaniva danneggiata dall'incendio (fonte foto: Facebook Sei di Fontaniva se...)

Fiamme nella chiesa di Fontaniva Cortocircuito: il presepe va a fuoco

L'incendio è scoppiato giovedì poco prima di mezzogiorno. A dare l'allarme un passante. Ingenti i danni alla struttura, tutta annerita all'interno. Piegate dal calore canne dell'organo e scoppiate le vetrate

Incendio, giovedì mattina, poco prima di mezzogiorno, alla chiesa di Fontaniva. A prendere fuoco, secondo una prima ricostruzione, sarebbe stato il presepio.

CORTOCIRCUITO. A dare l'allarme un passante, che ha avvertito il parroco, che a sua volta ha richiesto l'intervento dei vigili del fuoco, che hanno spento rapidamente le fiamme, provocate da un cortocircuito all'impianto elettrico del presepe allestito in una navata. Ingenti i danni alla struttura, tutta annerita all'interno. Piegate dal calore le canne dell'organo risalente al 19esimo secolo e scoppiate alcune vetrate. Nel pomeriggio i pompieri sono dovuti intervenire nuovamente sulla copertura che, surriscaldata, emanava ancora del fumo. La chiesa è stata dichiarata inagibile. In corso di accertamento gli eventuali danni alle strutture portanti dell'edificio, che potrebbero far lievitare la conta. Prevale l'ipotesi accidentale, non essendo stati trovati in loco elementi che potessero ricondurre ad altre cause. Sul caso indagano i carabinieri.

LE LACRIME DEI FEDELI. Assieme alle foto dei danni provocati dal rogo, numerosi gli accorati commenti dei residenti alla notizia sulla pagina Facebook "Sei di Fontaniva se...", tra cui il toccante messaggio di Emanuela: "Non so voi. Ma io ho la sensazione che sia andata a fuoco casa mia. In quella chiesa ci sono cresciuta. Ho iniziato a cantare lì. Il catechismo. Tutti i sacramenti. Don Marcello, don Giovanni, don Gianni e tutti gli altri. Ogni angolo di quella chiesa, ogni vetrata, ogni immagine, ogni banco mi ricordano qualcosa di bello, di molto bello. E poi il giorno del mio matrimonio. Io non so voi, ma io non smetto di piangere".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento