Cronaca Megliadino San Vitale / Via Bosco Basso

Muore nell'incendio della sua abitazione, i vicini vedono il fumo e danno l'allarme

Tragedia venerdì mattina nella Bassa Padovana dove un cinquantenne è stato trovato cadavere all'interno della sua casa. Accertamenti in corso da parte dei carabinieri

I fumi tossici scaturiti nell'incendio della sua abitazione sarebbero la causa della morte di Paolo Costantin, trovato cadavere dai soccorritori. La porzione di casa in via Bosco Basso, a Megliadino San Vitale, è stata invaso dalle fiamme nella mattinata di oggi.

La vittima

L'allarme è scattato poco prima delle 10 quando alcuni vicini hanno segnalato del fumo che usciva dagli infissi. All'arrivo dei carabinieri e dei vigili del fuoco all'interno è stato scoperto il cadavere del cinquantatreenne originario di Montagnana. Giaceva nel corridoio appena dietro la porta d'ingresso, quasi in un disperato tentativo di raggiungere l'esterno. All'arrivo dei paramendici i tentativi di rianimazione sono risultati vani e dell'operaio, che viveva solo, è stato decretato il decesso. I risultati dei primi accertamenti riconducono la morte a un'intossicazione per aver inalato i fumi che lo hanno soffocato.

L'incendio

Mentre la salma veniva ricomposta e trasferita nell'obitorio dell'ospedale di Monselice a disposizione dell'autorità giudiziaria, i pompieri di Abano Terme e Legnago hanno domato il rogo. Dalle prime analisi emerge che l'incendio avrebbe natura accidentale: sarebbe infatti scaturito dal piano cottura della cucina al piano terra, invadendo la stanza e quella al piano superiore.

carabinieri megliadino san vitale-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Muore nell'incendio della sua abitazione, i vicini vedono il fumo e danno l'allarme
PadovaOggi è in caricamento