menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un'immagine del terreno dopo l'incendio

Un'immagine del terreno dopo l'incendio

In fiamme il terreno dell'ex sindaco Il fuoco travolge attrezzi e galline

L'incendio, martedì alle 7.30 in via Cagnola a Saonara. Le fiamme sono scaturite da un mucchio di paglia e hanno devastato l'appezzamento di proprietà di Olindo Bertipaglia, ex primo cittadino di Polverara

Devastante incendio a Saonara nell'appezzamento agricolo di proprietà di Olindo Bertipaglia, ex sindaco di Polverara e consigliere comunale a Saonara. Il rogo si è sviluppato nella prima mattinata di martedì, travolgendo le numerose baracche adibite a ricovero di attrezzi presenti sul terreno, insieme ad un pollaio e ad una decina di galline.

L'INCENDIO. L'allarme, in via Cagnola, è scattato intorno alle 7.30. L'area, di circa 200 metri quadri, era stata data in affidamento ad un pensionato del luogo, che per hobby la impiegava per la sua attività di fabbro e meccanico, curando anche un orto e un pollaio. L'uomo si era recato sul posto per dare da mangiare alle galline, quando ha notato del fumo nero scaturire da un ammasso di paglia. Si è girato di getto per placare il rogo sul nascere con una secchiata d'acqua, ma a quel punto le fiamme sono divampate e si è reso necessario l'intervento dei vigili del fuoco per domare l'incendio.

L'INTERVENTO. Le operazioni sono durate circa tre ore, e si sono concluse poco prima delle 11. Un bel da fare per i pompieri, intervenuti con autobotte e Aps, non tanto per spegnere il fuoco, quanto per lo smassamento di tutti gli attrezzi devastati dallo scoppio e ridotti in cenere, tra cui una fresa e alcuni badili, un carretto agricolo, una motozappa e un bancone da lavoro, e per la messa in sicurezza dell'area. Le galline, terrorizzate, hanno tentato di darsi alla fuga, ma sono quasi tutte morte nell'incendio.

LA DINAMICA. Sul posto, oltre ai vigili del fuoco, i carabinieri della stazione di Legnaro per i rilievi. Da una prima ricostruzione sembrerebbe che un mucchio di fieno appena tagliato e bagnato dalla pioggia sia andato in autocombustione, provocando il rogo che ha travolto il terreno, i depositi di attrezzi e un'officina allestita dal pensionato. I danni sono ancora da quantificare, ma secondo una prima stima si aggirano intorno ai 5mila-10mila euro.

.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Come fare una manicure semipermanente in casa senza l’uso della lampada

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento