menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Operazione "Pantano": 17 rinviati a giudizio, in cinque patteggiano

Il gup Margherita Brunello ha accolto le richieste del pm Federica Baccaglini. Resta sospesa la posizione dell'ex deputato Filippo Ascierto: la Camera dovrà dare il consenso all'utilizzo delle intercettazioni telefoniche

Era il 21 ottobre 2013 quando l'operazione "Pantano", condotta dalla Guardia di Finanza e dai carabinieri di Padova, portò allo scoperto un sistema di corruzione, turbativa d'asta e abuso d'ufficio per bandi di gara del Comune, della Provincia, del V Reparto Infrastrutture dell'Esercito e dell’Ater di Padova. A distanza di un anno e mezzo da allora, il gup Margherita Brunello, come riportano i quotidiani locali, ha accolto in pieno le richieste del pubblico ministero Federica Baccaglini, titolare dell'inchiesta.

"PANTANO". Diciassette le persone rinviate a giudizio (accusate a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata alla turbativa d’asta, falso, abuso d’ufficio e corruzione), 5 i patteggiamenti, una condanna con rito abbreviato. Ancora in sospeso la posizione dell'ex deputato Filippo Ascierto: secondo il giudice dell'udienza preliminare le intercettazioni telefoniche possono essere utilizzate, ma si attende il via libera della Camera. Ascierto tornerà quindi davanti al gup il prossimo 15 ottobre.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento