menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Alex Zanardi

Alex Zanardi

Incidente Zanardi, terzo aggiornamento: «Quadro clinico generale tutto sommato buono»

A fornirlo è sempre Sabino Scolletta, direttore del reparto di emergenza-urgenza dell'Azienda Ospedaliera Universitaria Senese - Policlinico Santa Maria alle Scotte: «Ha un trauma cranico grave con lesioni veramente importanti, che il danno possa essere permanente e anche grave è possibile ma così come è possibile che ci possa anche essere un progressivo miglioramento»

Terzo aggiornamento sulle condizioni di Alex Zanardi: a fornirlo è anora Sabino Scolletta, direttore del reparto di emergenza-urgenza dell'Azienda Ospedaliera Universitaria Senese - Policlinico Santa Maria alle Scotte. Queste le sue parole: «Non ci sono particolari variazioni cliniche rispetto a quelle di cui vi parlavo stamattina. Le condizioni continuano a essere stabili da un punto di vista cardio-respiratorio, naturalmente è sempre ventilato meccanicamente e anche i parametri metabolici restano stabili, quindi il quadro clinico generale è tutto sommato buono. C'è da confermare la gravità del quadro neurologico e quindi quello andrà valutato la prossima settimana, quando le condizioni cliniche ce lo permetteranno. Le conseguenze sulla vista ci possono senz'altro essere, e quindi abbiamo chiesto consulenze da parte degli oculisti perché c'è qualche lesione anche a quel livello, ma valuteremo anche queste tra qualche giorno. Il quadro neurologico è talmente compromesso che ci impone una terapia per mantenerlo in coma farmacologico. In caso di condizioni stabili la prossima settimana potremmo sospendere la sedazione e valutare le sue condizioni. Essendo un grande atleta dal punto di vista generale è in condizioni ottimali, quindi probabilmente per questo motivo sta rispondendo molto bene. Siamo speranzosi che questa sua condizione fisica pre-trauma possa condizionare anche la stabilità del decorso. Altri interventi nei prossimi giorni? Difficile dirlo, dipende dalle sue condizioni neurologiche. Ha un trauma cranico grave con lesioni veramente importanti, che il danno possa essere permanente e anche grave è possibile ma così come è possibile anche che ci possa essere un progressivo miglioramento».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento