menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto (fonte Facebook)

Foto (fonte Facebook)

Vigonza, auto con a bordo 3 giovani fuori strada: muore un 23enne

L'incidente, giovedì notte, in via Del Commercio, all'uscita della tangenziale. Una Lancia Y si è schiantata contro un guard rail. Alberto Ruffato, 23 anni, di Borgoricco, non ce l'ha fatta, ed è morto sul colpo

Non ce l'ha fatta, Alberto Ruffato, 23enne di Borgoricco, morto giovedì notte, in un tragico schianto a Vigonza.

TRE GIOVANI A BORDO. Il giovane era seduto al posto del passeggero all'interno di una Lancia Y, condotta da una 20enne di Cadoneghe. Sui sedili posteriori c'era un terzo amico, 21enne residente a Cadoneghe. Il gruppo aveva passato la serata in un kebab in zona Arcella a Padova. Stavano tornando a casa, quando la ragazza al volante ha perso il controllo della vettura.  È accaduto in via Del Commercio, all'1.30 circa. Il mezzo è sbandato all'altezza di una curva, sbattendo contro una "cuspide", all'uscita della tangenziale nord.

MORTO SUL COLPO. Stanno bene l'automobilista e il 21enne, comunque sottoposti ad accertamenti clinici. Non c'è stato nulla da fare, invece, per il loro amico, Alberto, centrato in pieno dal guard rail contro cui è andata rovinosamente a schiantarsi la vettura fuori controllo. Trafitta l'automobile, proprio dal lato in cui era seduto il 23enne. La giovane alla guida, all'arrivo dei soccorsi si è sentita male. Da routine, è stata sottoposta al test dell'etilometro per accertare che non fosse sotto effetto dell'alcol al momento del tragico impatto. 

I RILIEVI. Sul posto per i rilievi, protrattisi fino alle 4 del mattino, è intervenuta la polizia stradale di Piove di Sacco. Dai primi accertamenti, quando l'auto è andata a sbattere, stava viaggiando ad una velocità di 50 chilometri orari. Le tracce di frenata sull'asfalto (15 metri) fanno pensare che il tachimetro segnasse i 90 chilometri all'ora prima che l'auto sbandasse. 50 sopra il limite consentito in quel tratto, che prevede si rispettino i 40. Da accertare se sul luogo dell'incidente si fosse formato del ghiaccio, che potrebbe avere favorito lo slittamento delle gomme. Sul posto sono intervenuti i sanitari del Suem 118 e i vigili del fuoco, per estrarre i corpi rimasti intrappolati tra le lamiere, rimuovere il mezzo e mettere in sicurezza la strada. Al termine delle operazioni il pubblico ministero ha disposto la rimozione della salma.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento